Sonetti XIV sopra il Pater noster/Sonetto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Sonetto II

../Sonetto IV IncludiIntestazione 16 novembre 2012 75% Da definire

Sonetto II Sonetto IV
[p. 102 modifica]

SONETTO III.


Città quì non abbiam stabile e ferma;
     Nella città di Dio son nostri onori.
     Da cui guerra, e tumulto alberga fuori,
     4Dalle nostre follie e scevra, ed erma.
Ma non rimira nostra mente inferma
     Altro che oggetti di terrestri amori:
     Ne si levan dal fango i nostri cuori:
     8Sulla terra il pensier s’affissa, e ferma .
Al Cielo, al Cielo, o alma; le divine
     Doti adora del tuo Padre celeste
     Colle ginocchia della mente inchine.
12E chi tra queste forti aspre . tempeste
     Fuor che il Padre del Ciel, e in queste spine.
     Di speranza di gloria ti riveste?