Sonetti XIV sopra il Pater noster/Sonetto XI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Sonetto X

../Sonetto XII IncludiIntestazione 22 novembre 2012 75% Da definire

Sonetto X Sonetto XII
[p. 106 modifica]

SONETTO XI.


Noi perdoniam, Signore, e tu perdona:
     Dei nostri debitor cassiam gli oltraggi;
     E tu di tua bontà coi dolci raggi
     4Rimessione a noi, e grazia dona.
Pace, e concordia il nostro cuor risuona.
     Sono in tua man gli spirti nostri ostaggi;
     Or di tua grazia la tua grazia risaggi
     8Il nostro cuor, che a’ detti tuoi consona.
Tu mite sei, e noi usiam clemenza,
     E la ragion d’Amor, che a chi ci deve
     Usiam, vuol che di lei non l’cstiam senza.
12Non fia dunque, Signor, non ti fia greve.
     Se non trattiamo altrui con inclemenza,
     Posar sopra di noi tua man più lieve.