Sonetti XIV sopra il Pater noster/Sonetto XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Sonetto XI

../Sonetto XIII IncludiIntestazione 22 novembre 2012 75% Da definire

Sonetto XI Sonetto XIII
[p. 107 modifica]

SONETTO XII.


Et ne nos inducas in tentationem.


Vedi,o Signor, che debili armi, e frali
     Sono le mie contva le insidie inferne,
     E come le ribelli forze interne
     4Sieno all’anima stessa aspre, e mortali.
Nel fango immerse ha l’alma le sue ali,
     Vinto è da ciò che vuol ciò che discerne;
     L’alma fitta sul suolo le superne
     8Cose a scorger non vale, ed immortali.
Tu l’ignoranze mie, tu la sciocchezza
     Mia, pur, sai tutta; ed uom di carne, e d’ossa
     Come alma tenga al peggio inchina, e avvezza .
12Che fia dell’alma d’ogni virtù scossa?
     Armi di vetro aspro nemico spezza:
     Lungi lungi cimenti di mia possa.