Spaccio de la bestia trionfante/Dialogo primo/Parte terza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Parte seconda

../../Dialogo secondo IncludiIntestazione 27 maggio 2014 25% Da definire

Dialogo primo - Parte seconda Dialogo secondo
[p. 60 modifica]

III.


sof. Venuto il quarto giorno, ed essendo a punto l'ora di mezzodì, convennero di bel novo al consiglio generale, dove non solamente fu lecito d’esser presenti li prefati numi più principali, ma oltre tutti quelli altri, ai quali è conceduto, come per legge naturale, il cielo. Sedente dunque il senato e popolo de li dei, e con il consueto modo essendo montato sul soglio di saffiro inorato Giove, con quella forma di diadema e manto con cui solamente ne li solennissimi concilj suol comparire, rassettato il tutto, messa in punto d’attenzion la turba, e inditto alto silenzio, di maniera, che i congregati sembravano tante statue o tante pitture, si presenta in mezzo con li suoi ordini, insegna e circostanze il mio bel nume, Mercurio, e giunto avanti il cospetto del gran padre, brevemente annunziò, interpretò, ed espose quel che non era a tutto il consiglio occulto, ma che, per servar la forma e decoro de’ statuti, bisogna pronunziare; cioè, come li dei erano pronti ed apparecchiati [p. 61 modifica]senza simulazione e dolo, ma Con libera e spontanea voluntade, a i accettare e ponere in esecuzione tutto quello che per il presente sinodo verrebbe conchiuso, statuto e ordinato. Il che avendo detto, si voltò a li circostanti dei, e li richiese, che con alzar la mano facessero aperto e ratificato quei tanto, eh' in nome loro aveva esposto in presenza de 1'Altitonante. E così fu fatto. A presso apre la bocca il magno protoparente, e fissi in cotal tenore udire i Se gloriosa, o dei, fu la nostra vittoria contro li giganti, che in breve spazio di tempo risorsero contra di noi, che erano nemici stranieri ed aperti, che ne combattevano solo da l'Olimpo, e che noti possevano né tentavano altro, che di ne precipitare dal cielo: quanto più gloriosa e degna sarà quella di noi stessi, l i quali fummo contra lor. vittoriosi ? Quanto più degna, dico, e gloriosa è quella di nostri affetti, che tanto tempo han trionfato di noi, che sono nemici domestici ed interni, che ne tiranneggiano da ogni lato, e che ne hanno trabalzati e smossi da noi stessi? Se dunque di festa degno ne ha parso quel giorno, che ne partorì vittoria tale, di quale il frutto in un momento disparve, quanto più festivo deve essere questo, di cui la fruttuosa gloria sarà eviterna per li secoli futuri? Séguite, dunque d'essere festivo il giorno de la vittoria; ma quel che si diceva de la vittoria de' giganti, dicasi de la vittoria de li dei, perché in esso abbiamo vinti noi medesimi! Instituiscasi oltre festivo il giorno presente, nel quale si ripurga il cielo, e questo sia più solenne a noi, che abbia mai possuto essere a gli Egizj la trasmigrazione del popolo leproso, ed agli Ebrei il transito de la babilonica cattivitade! Oggi il morbo, la peste, la lebra si bandisce dal cielo a li deserti; oggi vien rotta quella [p. 62 modifica]catena di delitti, e fracassato il ceppo de gli errori, che ne obligano al castigo eterno. Or dunque, essendo voi tutti di buona voglia per procedere a questa riforma, ed avendo, come intendo, tutti premeditato il modo, con cui si debba e possa venire al fatto; a ciò che queste sedie non rimangono disabitate, ed a li trasmigranti sieno ordinati luoghi convenienti, io comincierò a dire il mio parere circa uno per uno; e prodotto che sarà quello, se vi parrà degno d'essere approvato, ditelo; se vi sembrerà inconveniente, esplicatevi; se vi par, che si possa far meglio, dichiaratelo; se da quello si deve togliere, dite il vostro parere; se vi par, che vi si deve aggiungere, fatevi intendere! perché ognuno ha plenaria libertà di proferire il suo voto; e chiunque tace, s'intende affirmare.» Qua assorsero alquanto tutti li dei, e con questo segno ratificato la proposta. «Per dar dunque principio e cominciar da capo,» disse Giove, «veggiamo prima le cose, che sono da la parte boreale, e provediamo circa quelle, e poi a mano a mano per ordine faremo progresso sin al fine. Dite voi, che vi pare, e che giudicato di quella Orsa?» Li dei, a li quali toccavano le prime voci, commisero a Momo, che rispondesse; il qual disse: «Gran vituperio, o Giove, e più grande, che tu medesimo possi riconoscere, che nel luogo del cielo più celebre, là, dove Pitagora, che intese, il mondo aver le braccia, gambe, busto e testa, disse essere la parte superiore di quello, a la quale è contrapposto l'altro estremo, che dice essere l'infima regione — iuxta quelli che cantò un poeta di quella setta:


Hic vertex nobis semper sublimis, at illum
Sub pedibus Styx atra videt, Manesque profundi.

[p. 63 modifica]là, dove li marinai si consultano de li devi ed incerti cammini del mare, là, verso dove alzano le mani tutti li travagliati, che patiscono tempeste; là, verso dove ambivano li giganti; là, dove la generazion fiera di Belo facea montare la torre di Babelle; là, dove li maghi del specchio calibro cercano gli oracoli di Floron, uno de’ grandi principi de gli arctici spiriti; là, dove li cabbalisti dicono che Samaele volse innalzare il soglio, per farsi assomigliante al primo Altitonante — hai posto questo brutto animalaccio, il quale, non con una occhiata, non con un rivoltato mustaccio, non con qualche imagine di mano, non con un piede, non con altra meno ignobil parte del corpo, ma con una coda, che contra la natura de l’orsina specie volse Giunone, che gli rimanesse attaccata dietro, quasi come un indice degno di tanto luogo, fai, che vegna a mostrar a tutti terresti, maritimi e celesti contemplatori il polo magnifico e cardine del mondo. Quanto dunque facesti male di vi là inficcare, tanto farai bene di levarnela; e vedi di farne intendere, dove la vuoi mandare, e che cosa vuoi che in suo luogo succeda!» — «Vada,» disse Giove, «dove a voi altri pare e piace, o a gli orsi d’Inghilterra, o a gli Orsini o Cesarini di Roma, se volete, che stia in città a bell’agio.» — «A li claustri di Bernesi vorrei, che la fusse imprigionata,»; disse Giunone. — «Non tanto sdegno, mia moglie,» replicò Giove, «vada dove si vuole, pur che sia libera, e lasce quel luogo, nel quale, per essere la sedia più eminente, voglio, che faccia la sua residenza la Veritade; perchè là le unghie de la detrazione non arrivano, il livore de l’invidia non avelena, le tenebre de l’errore non vi profondano. Ivi starà stabile e ferma; là non sarà esagitata da flutti [p. 64 modifica]e da tempeste: ivi sarà sicura guida di quelli, che vanno errando per questo tempestoso pelago d’errori; e indi si mostrarà chiaro e terso specchio di contemplazione.» Disse il padre Saturno: «Che faremo di quella Orsa maggiore? propona Momo!» E lui disse: «Vada, perchè la è vecchia, per donna di

compagno di quella minore giovanetta! e vedete, che non le dovegna ruffiana; il che se accaderà, sia condannata a servir a qualche mendico, che con andarla mostrando, e con farla cavalcare da fanciulli e altri simili, per curar la febbre quartana e altre picciole infermitadi, possa guadagnar da vivere per lui e lei.» — Dimanda Marte: «Che faremo di quel nostro dragonaccio, o Giove?» — «Dica Momo,» rispose il padre. E quello: «La è una disutile bestia, e che è meglio morta che viva. Però, se vi pare, mandiamola ne l’Ibernia, o in un’isola de l’Orcadi a pascere. Ma guardate bene! chè con la coda è dubbio, che non faccia qualche ruina di stelle con farle precipitar in mare.» Rispose Apolline: «Non dubitare, o Momo! perchè ofdinarò a qualche Circe o Medea, che con quei versi, con li quali si seppe addormentar, quando era guardiano de le poma d’oro, adesso di nuovo insoporato, sia trasportato pian pianino in terra; e non mi par, che debbia morire, ma si vada mostrando ovunque è barbara bellezza; perchè le poma d’oro saranno la beltade; il drago sarà la fierezaa; Giasone sarà l'amante; l’incanto, ch’addormenta il drago, sarà, che


Non è sì duro cor, che proponendo,
Tempo aspettando, piangendo ed amando,
E tal volta pagando, non si smuova;
Nè sì freddo voler, che non si scalde.

[p. 65 modifica]Che cosa vuoi, che succeda al suo luogo, o padre? »

— « La prudenza, » rispose Giove, « la quale deve essere vicina a la veritade; perchè questa non deve maneggiarsi, muoversi e adoperarsi senza quella, e perchè l’una senza la compagnia de l'altra non è possibile che mai profitte, o venga onorata. » — « Ben provisto, » dissero li dei. Soggiunse Marte: «Quel Cefeo, quando era re, malamente seppe menar le braccia per aggrandir quel regno, che la fortuna gli porse. Ora non è bene, che qua, in quel modo che fa, spandendo di tal sorte le braccia, e allargando i passi, si faccia così la piazza grande in cielo. » — « Ebbene, dunque,» disse Giove, « che se gli dia da bere l’acqua di Lete, a fin che si dimentiche, ponendo in obblio la terrena e celeste possessione, e rinasca animale, che non abbia nè gambe nè brac- cia!» — « Cosi deve essere, » soggiunsero li dei; « ma che in loco suo succeda la Sofia, perchè la poverina deve anch’ella partecipar de li frutti e for- tune de la veritade, sua indissociabile compagna, con la quale sempre ha comunicalo ne le angustie, affli- zioni, ingiurie e fatiche; oltre che, se non è costei che le coadministre, non so, come ella potrà essere mai gradita, e onorata. » — « Molto volentieri, » disse Giove, « lo accordo, e vi consento, o dei; per- chè ogni ordine e ragione il vuole, e massime, per- chè malamente crederei aver reposta quella nel suo luogo senza questa, e ivi non si potrebbe trovar con- tenta, lontana da la sua tanto amata sorella e diletta compagna. »

« De l’Arctofilace, » disse Diana, « che, si ben smaltato di stelle, guida il carro, che credi Momo, che si debba fare? » — « Rispose: «per esser lui quell’Arcade, frutto di quel sacrilego ventre, e quel [p. 66 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/82 [p. 67 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/83 [p. 68 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/84 [p. 69 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/85 [p. 70 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/86 [p. 71 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/87 [p. 72 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/88 [p. 73 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/89 [p. 74 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/90 [p. 75 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/91 [p. 76 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/92 [p. 77 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/93 [p. 78 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/94 [p. 79 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/95 [p. 80 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/96 [p. 81 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/97 [p. 82 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/98 [p. 83 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/99 [p. 84 modifica]Pagina:Spaccio de la bestia trionfante 1863.djvu/100