Statuto dei Radicali di sinistra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Radicali di sinistra

2008 S Politica letteratura Statuto dei Radicali di Sinistra Intestazione 4 marzo 2008 75% Politica

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Articolo I - I Radicali di Sinistra

I Radicali di Sinistra sono una organizzazione politica e culturale costituita da cittadini che si riconoscono in una visione laica, ecologista, riformatrice, umanista ed antifascista. I Radicali di Sinistra promuovono l'unità e l'organizzazione dei Cittadini per la difesa, il riconoscimento e l'estensione dei diritti di cittadinanza sanciti dalla Costituzione; sostengono l'affermazione delle istanze di libertà individuali e civili, di giustizia sociale, di pace e di solidarietà internazionali; si impegnano per la salvaguardia della natura e dell'ambiente, il diritto alla vita di tutte le specie vegetali ed animali e la tutela delle identità ambientali e culturali presenti sul nostro territorio. I Radicali di Sinistra perseguono le pari opportunità tra donna e uomo come condizione per affermare un modello di società democratica di donne e di uomini liberi ed eguali, nella piena valorizzazione della differenza di genere, dei percorsi politici di emancipazione e di autodeterminazione delle donne. I Radicali di Sinistra, attraverso la loro azione, perseguono un progetto di società aperta, laica e plurale, rispettosa delle differenze, la difesa della piena espressione dell'identità e dell'orientamento sessuali; combattono l'antisemitismo e ogni forma di razzismo, di discriminazione, di sfruttamento, di omofobia. I Radicali di sinistra fanno propria la non violenza come metodo personale e politico. Rifiutano la guerra come scelta strategica per la risoluzione delle controversie.


Articolo II - Gli Iscritti

Tutti i cittadini possono iscriversi ai Radicali di Sinistra, senza distinzione di età, di nazionalità, appartenenza, politica, sociale, confessionale. L'iscrizione è annuale ed individuale; avviene attraverso il versamento della quota annuale, che vale da accettazione del presente Statuto. Ogni iscritto è chiamato a partecipare all'elaborazione della linea politica ed all'adozione democratica degli atti. Nel rispetto dei diritti e dei doveri previsti dallo Statuto la vita associativa degli iscritti è regolata dal principio dell'osservanza delle decisioni assunte dalla maggioranza e dal riconoscimento dei diritti delle minoranze. L'aspirante iscritto, riconoscendosi nei valori del presente Statuto, deve rivolgere domanda di ammissione al Comitato Politico o presso le Associazioni locali. L'ammissione è formalizzata dal Comitato Politico ed ha effetto dalla data di deliberazione.


Articolo III - Adesione di soggetti collettivi

Possono aderire ai Radicali di Sinistra soggetti collettivi, quali associazioni culturali, professionali, di lavoro o di impegno sociale, comitati e collettivi. Tale adesione dà diritto ai singoli membri di dette associazioni di partecipare alla vita associativa, senza diritto di voto, per la quale è richiesta l'iscrizione individuale. Le associazioni aderenti possono avere una rappresentanza consultiva negli organi statutari, nelle forme previste da una intesa stipulata tra Radicali di Sinistra ed associazioni medesime.


Articolo IV - Le Associazioni locali

L'Associazione locale è l'istanza fondamentale dei Radicali di Sinistra. È territoriale ed è costituita da iscritti in regola. Ciascun iscritto può far parte di una sola Associazione locale. Ogni Associazione locale, costituita da almeno 15 iscritti ai Radicali di Sinistra per l'anno in corso può eleggere tra i propri componenti un rappresentante nel Comitato Politico. Per essere riconosciuta come articolazione nazionale, i suoi iscritti devono inoltrare richiesta al Comitato Politico allegando l'elenco dei componenti ed i responsabili della costituenda Associazione. Gli Italiani residenti all'estero possono dar vita ad Associazioni nei rispettivi paesi di residenza sulla base delle norme del presente Statuto e con i medesimi doveri e diritti. Ogni Associazione, regolata da Statuti propri e retta da Organi eletti annualmente dagli iscritti, ha autonomia finanziaria. Ciascuna Associazione può fissare quote addizionali di iscrizione, può dotarsi di denominazioni e documenti politici, purché questi non confliggano con le linee generali impartite dal Congresso degli iscritti e dal Comitato Politico. Ciascuna Associazione ha facoltà di inserire la propria denominazione nel semicerchio inferiore presente nel logo nazionale. Finalità delle Associazioni sono l'organizzazione ed il sostegno delle attività deliberate dal Congresso degli iscritti e dal Comitato Politico. Le Associazioni, inoltre, promuovono e raccolgono le iscrizioni e sono tenute a dotarsi, attraverso le proprie risorse, di infrastrutture telematiche, quali propri siti web e mailing list. Ogni Associazione ha facoltà di intraprendere, nella propria area di competenza, azioni di carattere politico e culturale, di politica locale, conformemente al presente Statuto e secondo le linee guida fornite dal Congresso nazionale degli iscritti e del Comitato Politico.


Articolo V - Le Associazioni tematiche

Gli iscritti possono costituire Associazioni tematiche, anche telematiche, per valorizzare specificità politiche, culturali o di tendenza. Per essere riconosciuta come articolazione nazionale, i suoi iscritti devono inoltrare richiesta al Comitato Politico allegando l'elenco dei componenti, la sua denominazione, le finalità, lo Statuto, l'eventuale marchio ed i responsabili della costituenda Associazione.

È possibile iscriversi a più associazioni tematiche. Ogni Associazione tematica, costituita da almeno 25 iscritti ai Radicali di Sinistra per l'anno in corso può eleggere tra i propri componenti un rappresentante in seno al Comitato Politico.


Articolo VI - Principii e struttura della democrazia interna

Il dibattito democratico ed il rispetto delle differenze rappresentano l'essenza della vita democratica dei Radicali di Sinistra. La libera espressione di tutte le opinioni è diritto inalienabile degli iscritti e può manifestarsi attraverso la formazione di associazioni tematiche e di tendenza, ai sensi dell'articolo 5 del presente Statuto. Le decisioni assunte in sede congressuale e le direttive degli Organi Dirigenti, ad ogni livello, sono vincolanti per tutti gli iscritti.

Gli organi dei Radicali di Sinistra sono:

Il Congresso

Il Comitato Politico

Il Coordinatore

il Vice-Coordinatore

Il Tesoriere


Articolo VII - Il Congresso ordinario

Il Congresso è l'Organo Deliberativo ed è costituito da tutti gli iscritti in regola con il pagamento delle quote. Stabilisce a maggioranza semplice l'indirizzo politico dei Radicali di Sinistra e si riunisce in via ordinaria almeno una volta l'anno su convocazione del Coordinatore. In sede congressuale ogni iscritto ha diritto ad un voto che può essere espresso anche per via telematica, secondo le modalità stabilite da appositi regolamenti emanati dal Comitato Politico. Il Congresso delibera modifiche allo Statuto con la maggioranza qualificata dei due terzi ed elegge il Comitato Politico. Gli iscritti, inoltre, possono essere consultati in sede locale, regionale e nazionale con referendum su temi o scelte politiche specifiche.

Il Congresso è presieduto dal Comitato Politico. Il Coordinatore, coadiuvato dal Vice-Coordinatore che redige il verbale dell'Assemblea, nomina due scrutatori, selezionandoli tra gli iscritti presenti in Assise.


Articolo VIII - Il Congresso straordinario

Il Congresso straordinario può essere convocato, in via eccezionale, dal Coordinatore in accordo con il Comitato Politico; dai 2/3 del Comitato Politico o da un quinto degli iscritti da almeno tre mesi ai Radicali di Sinistra.


Articolo IX - Il Comitato politico, definizione e composizione

Il Comitato Politico regge ed amministra collegialmente i Radicali di Sinistra e ne è responsabile in sede civile e penale. È l'organo vicario del Congresso, ed ha il compito di realizzarne il programma d'azione. E' composto da un numero massimo di undici membri eletti a maggioranza semplice in sede congressuale sulla base di liste collegate a mozioni d'indirizzo. Ogni lista, per essere ammessa, deve essere composta da un numero minimo di candidati pari a quindici ed un numero massimo di ventuno. Il Comitato politico elegge al proprio interno il Coordinatore, il Tesoriere ed ha facoltà di attribuire deleghe specifiche ai singoli membri che lo compongono. Il Comitato Politico ha, altresì, facoltà di eleggere il Vice-Coordinatore che assume le funzioni del Coordinatore in caso di impedimento. Il mandato del Comitato politico è annuale.

Il Comitato Politico può essere integrato da:


i rappresentanti delle mozioni di minoranza, nel numero di uno per ogni mozione che abbia ottenuto almeno il 15% dei voti validi;

un membro in rappresentanza di ogni associazione locale che abbia almeno 15 iscritti e un rappresentante per ogni associazione tematica che abbia almeno 25 iscritti;

i Coordinatori Regionali;

i parlamentari italiani ed europei, i consiglieri regionali iscritti per l'anno in corso.

Articolo X - Il Comitato politico, attribuzioni e competenze

Il Comitato Politico:

presiede i lavori del Congresso degli Iscritti, approva, su proposta del Coordinatore, il regolamento e l'ordine dei lavori congressuali;

delibera sull'ammissione dei nuovi iscritti e sui provvedimenti di esclusione e sospensione;

delibera su qualsiasi questione che non sia, dal presente Statuto, demandata al Congresso o ad altri organi;

approva il bilancio preventivo annuale dei Radicali di Sinistra;

approva il bilancio consuntivo dell'esercizio precedente;

redige il bilancio preventivo e consuntivo;

stabilisce l'ammontare della quota associativa per l'anno seguente;

acquista ed aliena beni mobili ed immobili;

accetta eredità e legati;

determina l'impiego dei contributi, delle erogazioni e dei mezzi finanziari;

ratifica i criteri contabili per l'amministrazione fiscale;

promuove le iniziative di politica finanziaria necessarie;

promuove e segue la costituzione delle Associazioni locali e tematiche, curandone il riconoscimento formale e disconoscendone la legittimità in caso di violazione dello Statuto o delle vigenti leggi di Stato;

è titolare unico del trattamento dei dati personali di iscritti e di terze persone;

può modificare lo Statuto con voto unanime dei suoi membri.

Il Comitato Politico è convocato almeno una volta ogni tre mesi dal Coordinatore:

a) in via ordinaria, o in via straordinaria quando ritenga che vi siano condizioni di necessità e urgenza; b) in via straordinaria, quando ne faccia richiesta la maggioranza dei suoi componenti. L'avviso di convocazione deve essere inoltrato almeno quindici giorni prima della data fissata per l'inizio della riunione nel caso di Comitato ordinario, e almeno sette giorni prima nel caso di Comitato straordinario. Ogni anno i membri del Comitato Politico devono rinnovare la propria iscrizione entro il 15 gennaio, a pena di decadenza.


Articolo XI - Il Coordinatore

Il Coordinatore convoca e presiede il Comitato Politico. È eletto dal Comitato Politico ed il suo mandato è annuale.

Il Coordinatore:


nomina, all'occorrenza e in accordo con il Comitato Politico, soci delegati allo svolgimento di specifiche funzioni;

convoca, nel rispetto delle scadenze fissate dallo Statuto, il Congresso degli iscritti;

propone il regolamento e l'ordine dei lavori congressuali;

invia messaggi agli iscritti ed alle Associazioni in relazione alle attività dei Radicali di Sinistra;

nomina, con facoltà di revoca, i Coordinatori Regionali;

può delegare singoli soci per l'espletamento delle funzioni necessarie alla presentazione dei Radicali di Sinistra nelle occasioni elettorali.

Articolo XII - Il Vice-Coordinatore

Il Vice-Coordinatore assume le funzioni del Coordinatore in caso di impedimento. E' eletto all'interno del Comitato Politico e dura in carica un anno.


Articolo XIII - Il Tesoriere

È responsabile della gestione del patrimonio. È eletto dal Comitato Politico ed il suo mandato è annuale. È delegato a: riscossione, gestione e ripartizione dei contributi per rimborso delle spese elettorali, del finanziamento pubblico, del fondo per la campagna elettorale e delle eventuali indennità di gruppo consiliare o parlamentare. Il Tesoriere inoltre:


predispone i bilanci preventivi e consuntivi annuali; ;

raccoglie, anche attraverso le Associazioni, le quote di iscrizione ed i contributi;

gestisce il tesseramento;

costituisce in mora i debitori;

delibera l'acquisto di beni e servizi.

Articolo XIV - Norme di garanzia

a) Qualora si verifichino situazioni di impedimento o dimissione di uno o più membri del Comitato Politico, questi vengono sostituiti dai primi dei non eletti nell'ambito della medesima lista dei membri decaduti.

b) Il Comitato Politico, esclusivamente nella sua parte elettiva, al fine di garantire la propria efficacia e per gravi e motivate ragioni, può chiedere le dimissioni di uno o più membri attraverso una mozione di sfiducia che, per essere valida, deve essere approvata da una maggioranza qualificata dei 2/3 dei membri eletti in sede congressuale. L'integrazione dei nuovi membri avviene in base alle regole descritte nel comma a.

Articolo XV - I Coordinatori Regionali

Ai Coordinatori Regionali è demandato il compito di garantire unitarietà di indirizzi all'attività dei Radicali di Sinistra nelle rispettive realtà locali, in armonia con le deliberazioni congressuali, favorendo il coordinamento e la collaborazione tra le Associazioni locali presenti nella propria regione di competenza. Sono nominati annualmente dal Coordinatore, che potrà proporre la nomina di Coordinatori Regionali anche in regioni prive di Associazioni, al fine di articolare le attività su base locale.


Articolo XVI - Patrimonio

Il patrimonio è costituito da: beni mobili ed immobili di proprietà collettiva, eventuali fondi di riserve derivanti da eccedenze di bilancio, donazioni, legati e lasciti.

I proventi con cui far fronte all'attività ed alla vita associativa sono costituiti da: quote annuali, redditi di beni patrimoniali, erogazioni e contributi di cittadini, enti ed associazioni e dalle raccolte pubbliche di fondi. Tutte le somme di denaro di spettanza comune possono essere depositate presso un istituto di credito. L'esercizio finanziario termina il 31 dicembre di ogni anno. Entro trenta giorni il Tesoriere procederà alla redazione del bilancio da presentare per l'approvazione unitamente ad una relazione illustrativa dell'esercizio ed al preventivo delle spese al Congresso.


Articolo XVII - Il Simbolo

Il simbolo dei Radicali di sinistra è un girasole giallo, inscritto in un cerchio suddiviso in due campi di diversa grandezza. Il campo superiore è di colore blu, di dimensioni doppie rispetto a quello inferiore di colore bianco. Sul campo inferiore, a seguire il perimetro del semicerchio, campeggia la dicitura "LIBERTARI LAICI ECOLOGISTI" di colore bianco. La banda centrale presenta due righe e reca nella riga superiore la scritta "RADICALI", in quella inferiore la scritta "DI SINISTRA"; entrambe le scritte sono della stessa tonalità di blu dello sfondo del semicerchio superiore.


Articolo XVIII - Uso del simbolo

L'uso del simbolo dei Radicali di Sinistra è disciplinato dal Comitato Politico attraverso specifico regolamento, che ne delibera l'uso da parte delle Associazioni riconosciute in base allo Statuto e da parte di terzi attraverso specifica delibera.