Studj liguri/Il dialetto nei primi secoli/Testi/1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
N. 1. — Istruzioni politiche a Segurano [Salvago?], inviato dal Comune di Genova a Cipro.

../ ../2 IncludiIntestazione 24 dicembre 2014 75% Da definire

N. 1. — Istruzioni politiche a Segurano [Salvago?], inviato dal Comune di Genova a Cipro.
Il dialetto nei primi secoli - Testi Il dialetto nei primi secoli - 2

[p. 22 modifica]N. 1. — Istruzioni politiche a Segurano [Salvago?], inviato dal Comune di Genova a Cipro.

Circa il MCCCXX.

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese; Materie politiche, Mazzo VIII.]1

A uoi, Seguran, cometamo per aregordo e a memoria redugamo, si como se dira de sota, primo:

Quando voi serej in Famagosta, presenterej la letera a li mercanti, la quar Noi u’auemo dajta. In apreso informajue de l’intencion de lo rej, e se li nostri mercanjnti an reguardo de si. Ancor se a la nostra questiun ello n’e fauoreuer o no, e segondo che uoj trouerej in la uoluntae e in lo senbia[n]te de li mercanti, lantor ve porrej conseiar in lo descaregar de la mercantia et in la uostra segurtae2. Chesto digamo inperzo che noi no sauemo como li seruixi de la stan. In atto che uoi v’acorzesi che dubio fosse, a uoj e a li mercanti, che ben no ue parese star seguri, lantor porresi cerchar la uostra segurtae e de lo nostro auer, segondo che a uoi e a li altri parra.

E per auentura porreua esser che lo rej aspejterea archunna anbaxa secreta, o parese in questo pasagio per tractar d’aconzo; e se e llo fesse sentir inter l[i] mercanti o per alcum de li nostri, poresi dir che uoj crej che li grandi seruixi che noi auemo a far de questa guerra no e stao prouisto a tae cosse, segondo che uoi crej.

In casso che perigo parese de descaregar le garee per sospezon — intendaj la quar sospezon paresse dubiossa, e che per questo dubio no ue parese segur lo star — , lantor si poresi presentarue deuanti lo rej con la letera de [c]reenza3 che noi v’auemo dajta, e seando dauanti da lo rej, saluarlo per parte nostra, s[i] como se dexe, e in apreso dir cosi como e diro de sota:

"Segnor Rej, noi mercanti somo vegnuj in la uostra terra con gran segurtae a far mercantia e[n] lanna, [per] la uostra terra e per nostro ben; per che sea [p. 23 modifica]uostra marce de darne sigurtae de star e de andar, si como noj somo usaj, e in pero che alcun[e] re sospezon son inter noj per alcune crie o comandi, fajti per la uostra majstae, che se alcunna naciun fara dapno etc.

“Per che lo duxe de Zenoa e lo so conseio ue manda a dir per mi, como ello intende de uiuer con bonna paxe e pacificamenti con tuti li principi de lo mondo, e che per la gracia de De la citae de Zenoa e lo destreto e in gran iustixia e paxe; per che da chi auanti non e da dubiar che per li soi destrituaj sea fajto offesa, saluo a li soj innimixi.

“E in perzo per alcunne discordie chi sun stae inter la soa coronna e li Zenoexi — chi no deuerea4 esser staita, chi considerasse l’antigo tempo de li soi strapasaj e ancor de li nostri, de lo grande amor e de la grande affetiun; e da l’unna parte a l’atra no ghe deuerea5 esse altro che bonn amor — , porreua esser che per lo mar stao, lo quar gran tempo6 fa la citae de Zenoa a sostegnuo, inter lor gra[n]de guere e grandi dalmagi — e donde non e unitae no po eser iustixia — , che questa ne serea parte7 de caxon, e ancor li faci citajn, chi per la lor specialitae aueran portao ree parolle e somenao zinzanie, sor per esser in gratia, si como trajtor de so Comun e ancor de li uostri borghesi semeieue menti.

Perche, Segnor, quando piaxese a la uostra Corronna d’auer fim in bonna paxe, houore[u]er per l’unna parte e per l’atra, si come se deuerea raxoneuer8 menti far, lo nostro Duxe e desposto a uiuer pacificamenti e amorossa menti con tuti quelli de questo mondo e special menti con la uostra Coronna. Per che, quando ve piaxesse da mandar la uostra ambaxa in corte de Roma, lo quar e logo comun e honereuer per voj e per lo nostro Comun, ello ne serea monto contento; e de zo ne prega che gi debiai mandar la uostra uoluntae, azo che tanto ben se possa compir, a honor de De e de crestianitae.”

  1. * Questa carta fu già pubblicata, secondo la mia copia, da C. Desimoni, nell’‘Archivio Storico italiano’ XIX 106 sgg. Senonchè, non avendo potuto l’illustre uomo rivedere le bozze, usci così malconcia, da non far troppo onore al mio nome, sotto la cui responsabilità essa era posta. Circa il Segurano, a cui le ‘Istruzioni’ sono consegnate, vedasi l’articolo stesso del Desimoni, pp. 91 sg. n. — Di qui innanzi, nello sciogliere le abbreviazioni, non mando in corsivo le lettere aggiunte, se non quando l’oscillare dell’ortografia possa render dubbia la restituzione.
  2. sigurtae è meno probabile.
  3. Il c di creenza manca per un guasto della carta.
  4. Molto dubbio.
  5. Dubbio. Forse la lettura più rigorosa sarebbe deiueraia o deniereia.
  6. La finale può anch’essere un i.
  7. parte è molto incerto, faci anche peggio.
  8. raxonouer.