Superbetta Pastorella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Severoli

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Superbetta Pastorella Intestazione 30 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Carlo Severoli


[p. 381 modifica]

III


Superbetta Pastorella,
     Cui non cale del mio pianto,
     Ma ti ridi ingrata, e fella.
     Del mio duolo aspro cotanto;
5A me forse un giorno quella
     Non sarai già amabil tanto,
     E vorrai parermi bella,
     Nè di bella avrai più ’l vanto.
Ed io allor, che avrò dal cuore
     10Di già tratta la saetta,
     Riderò del tuo dolore:
E così col mio vendetta
     Io farò del tuo rigore,
     Pastorella superbetta.