Teatro ladino (Auronzo)/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../2

../4 IncludiIntestazione 26 luglio 2015 25% Da definire

2 4

L erba de Lia

atto unico in dialetto auronzano

di

Bruno Ferroni

Personaggi:

primo cantastorie
secondo cantastorie
Lia
Gigio Olpe
Santa Giustina
San Lucano
Santa Margherita
Santa Caterina
Santa Barbara
Sant’Agnese
Sant’Agostino
San Francesco

La scena avviene in Auronzo, verso la metà del XVI secolo nella borgata Zardus, dove vive una donna, Lia. Ella prepara strane pozioni con erbe curative che solo lei conosce, talmente miracolose perché, dice, le raccoglie dove è passato l'orso di San Lucano. La gente, superstiziosa e credulona, la ripaga come può, a volte anche privandosi del necessario. Ma la malattia bussò anche alla sua porta, e Lia provò su di sé i rimedi fittizi che vendeva alla gente, senza ottenere però alcun risultato. Una notte, a forza di invocarli, le appaiono in sogno i Santi Giustina e Lucano, patroni rispettivamente delle parrocchie di Villagrande e Villapiccola di Auronzo.

A loro si rivolge implorante la povera e sofferente Lia, promettendo, se fosse guarita, di donare ai poveri almeno la metà di quanto ha loro sottratto e di comportarsi onestamente. Santa Giustina le indica il luogo, Col Burgiou, dove Lia troverà un'erba miracolosa dalla quale, questa volta per davvero, ottenere un infuso che la farà finalmente guarire. Lia, fiduciosa, fa quanto Santa Giustina le ha indicato e guarisce. Da allora molta gente, pur senza conoscerne l'origine, chiama quell'erba “L erba de Lia”. (musica medievale che lentamente va sfumando. Rullo di tamburo e gente che finalmente si fa silenziosa ed ascolta. Il cantastorie, dopo aver girato lo sguardo sulla piccola folla, inizia cerimonioso il racconto. I cantastorie sono due. Il primo si esprime in dialetto auronzano, il secondo, in lingua italiana.)

Con loro entrano in scena alcuni Santi, fra i quali Santa Barbara, patrona dei minatori cui è dedicato un altare nella chiesa parrocchiale di Regina Pacis a Reane; Sant’Agnese, le cui virtù erano additate alle giovani ragazze; Santa Caterina, cui è dedicata la chiesetta cinquecentesca all'inizio del paese. Coprotagonisti, i Santi Giustina, patrona di Villagrande (si esprime con la tipica calata padovana, dal luogo del martirio), comprensiva ed accogliente, e Lucano, patrono di Villapiccola, più rude e determinato (anche per il fattaccio dell'orso, che per avergli ucciso la cavalcatura, fu costretto a portarlo in groppa fino a Roma). PRIMO CANTASTORIE: (a voce spiegata, guardandosi in giro con fare compiaciuto) “Dente de Auronzo, gnoche, zenza che ve ofendéve… ncuoi son ca de sta bela piaza a contave na storia, de chele che ve farà restà dute a bocia verta, e forse calchedun podarà anche comuovesse … (si guarda attorno per calcolare l’effetto)... L erba de Lia!”

(interviene il secondo cantastorie che semplifica il tutto traducendolo in italiano)

SECONDO CANTASTORIE: “Gente di Auronzo, “gnocchi”, senza

che dobbiate offendervi. Oggi siamo qui in questa bella piazza a raccontarvi una storia che vi farà rimanere tutti a bocca aperta, e forse qualcuno potrà anche commuoversi! L’erba di Lia!” (musica)

PRIMO CANTASTORIE: “Tante, ma tante ane fa, ncora gnante del

Concilio de Trento, ca n Auronzo era tenpe dure… na fame, che le sorize scanpaa fora dai nauze co le lagreme ai oce. Malatie de na sorta che de pedo no podea capitià. Pò sta val, longa e strenta, passaa de dute le genìe… Ma soralduto (ammiccando) todesse! Agnó che i ruaa, no cressea pi nuia!”

(musica)

S. AGNESE: La pore dente avea belo magnou dute le erbe che se

podea e anche chele che no se podea e no restaa autro che preà i Sante che li ide. De cesa, apede l pree, anche lui magruto, se nvocaa S. Ostina e San Luguan, sante nostrane che avarae capiu meo ce che era pi de besuoi. (musica, poi il gruppo inizia a recitare; ad uno ad uno, poi incalzante tutto il gruppo, la preghiera ai santi patroni).

Santa Ostina n tin de puina
San Luguan daseme pan
Autre Sante agnó che sé
Algo apede proedé.

PRIMO CANTASTORIE: “Viviea de na ciasa, do a Zardus, na braa

femena che se ciamaa Lia. Nessun savea cuante ane che la avesse, e a 5 chi che aussaa dì a domandà, la respondea senpro de avé… i ane de la luna.”

ALTRO SANTO: “Fato stà che sta femena era tanto benvoluda da la

dente, porcé che la savea curià tante malatie con erbe che solo ela cognossea.”

S. BARBARA: “Su la fornela era senpro n caldrin che boea e inze la

betea le erbe che la dea a rencurià. Erbe tanto bone porcé che le cressea, disiea ela, agnó che era passou l orse de San Luguan.”

S. CATERINA: “A la dente de Auronzo no parea vero, e por

sdebetasse i pagaa con chel che i podea. I pi siore lassaa algo de schei, ma la pi parte dasea nos-cè vuove, na meda sea de rave o na scudiela de fasuoi.”

S. CHIARA: “L pioan avea l so dafei a convinze i auronzane che era

meo preà l Signor e portà algo de canonega pitiosto che dì davoi de na femena de chela sorta!”

S. AGOSTINO: “Ma la pi parte de chi che avea besuoi no sentìa da

chela rea e cuanche ocorea, i ciapaa l truoi de Zardus.”

SECONDO CANTASTORIE: “Si sa come vanno le cose… a forza di

trafficare attorno a gente malata, un giorno si ammala anche lei. Qualche giorno non era tanto dal vres, ma gli anni erano quelli, e l’orso di San Lucano andava senpre più lontano. Passa un giorno, passa un altro, Lia non si vedeva più e la gente aspettava invano davanti al suo portone. Quelli che, mattinieri andavano a guarnà le vace, speravano sempre di vedere qualcosa che si muovesse… magari uno straccio messo ad asciugare o un po’ di fumo dal camino. Niente!… Niente… povera Lia, sembrava scomparsa.

(musica)

S. FRANCESCO: “Na bonora, ntanto che sonaa le Avemarie, passa

da chela Gigio Olpe e chel che no é, l proa a ciamala.”

GIGIO OLPE: “Lia… Lia… ce mancia che no sé ncora levada?”

(Lia appare al balcone)

LIA: “Ioso Gigio, é nos-cè dis che no son nuia dal vres. É meo che me

reguarde por calche dì… (pensierosa) ei paura che n anema del Purgatorio no me voe pi ben e me ebe mandou na malora… savé ben come che và ste robe… ma ió son dura a morì e vo ben autro a fermame. Vedaré che n capo a doi dis starei belo meo.”

GIGIO: “Alora ve saludo… e zercà de stà sana!”

(musica - campane)

PRIMO CANTASTORIE: “… Ntanto Lia no la podea pi dafendesse

dal mal. La proaa, una a l ota, dute le erbe che la dasea a la dente, ma no era vres che l mal se fermasse.”

SANTO: “Na dì la beèa l aga, amara e trista da travaiasse… la proaa

a magnà na erbata che becaa… La credea che servisse… col resultato de fei olche duta la gnote. La bete sul stomego na papeta con dute le porcarie che ncora no la avea proou. Nuia!!! Pore Lia, no la savea pi da ce parte giriasse.

(il gruppo recita la canzone di Lia)

Nessun’erba della Lia
mitigava il suo dolor;
né radici e polverine
né cipolla o un po’ di vin.
Camomilla e passiflora,
dragoncello e rosmarin,
suffumigi, pappettine
ed infusi e non so che.

SECONDO CANTASTORIE: “Una sera quando era proprio a segno,

pensò bene di pregare quei Santi che spesso scomodava per gli altri. Con la corona del rosario in mano, prega con tanta devozione e piano piano si addormenta.”

SANTO: “Chel che no é, ntanto che la sogna, Santa Ostina e San

Luguan i se presenta e la ciama.” (musica… si entra nel sogno di Lia)

S. GIUSTINA: (parla in padovano) “… Lia, Lia, te me gà ciamà e son

rivada…”

S. LUCANO: (ironico, alludendo a quante volte Lia, per cose di nessun

conto, lo chiama) “Por na ota te ne ciame! De ce asto besuoi ncuoi?” (nel sogno, Lia cade in ginocchio ed a mani giunte, statuaria, si rivolge fiduciosa ai due Santi esprimendosi in un tentativo di lingua dotta per meglio sottolineare il rispetto e la reverenza incondizionata verso i Santi)

LIA: “Santi benedeti, anime beate de lo paradiso, vardate come che è

ridota la vostra Lia! Non mangia e quasi non riesce a caminare. Mi meto in ginochione davante a la vostra testa incoronata. Guaritemi, ve ne prego!”

S. LUCANO: (con tono di rimprovero) “Cuanche te ne ciamae por

nbroià la pore dente no te avee tanta voia de ndoneate dobas… a contà la storia de le erbe benedete da le zate del mè orse… te dee via galiva… co la lenga zenza besuoi de ndoneate!”

S. GIUSTINA: “Mi te go sempre scoltada, Lia, anca quando che te

fasevi la senpia… co i to inpiastri de erbe mate.”

S. LUCANO: “Me par che calche ota te ne ebe tolesto pol zesto… no

te par che i Sante ebe algo de meo da fei che tegnì man ai to inbroie?”

S. GIUSTINA: “Anca mi gavarìa da lagnarme, Lia. Sèto cuanti che ne

prega par calcossa de n fiatin più serio?”

LIA: (dispiaciuta ed implorante) “Vi priego e vi ripriego… Santi

benedeti che dimorate nelo zielo, salvate da lo male Lia, che farà tuto quello che volarete!!!”

S. LUCANO: (con tono più comprensivo) avon vedù che te sos proprio

betuda mal … pore femena, e che ades te ne pree con cuor senziero. alora scolta polito e no stà perde na parola de chel che te digarà giustina.

LIA: (con voce tremante) “… duto chello che volarete, Santi

beatissimi!”

S. GIUSTINA: (con tono dolce) Lia, fia mia… mi te mostro na sorta de

erba che ti no te ghè mai vista. La cresse nte n liogo che voialtri ciamé Col Burgiou. (La Santa tende il braccio e con il dito indica la direzione) Doman xe l sete de otobre, la me festa, e ti te ndarà dove che te go dito e te cavarà n poca de sta erba te la fà boier, te bevarà l acua e te metarà l erba sul pèto, par zincue giorni, recitando l rosario con tanta devozion! Te ghè capì tuto?”

S. LUCANO: “Me racomando, no stà fei la sema… sta ota la pel é la

toa! Stà atenta però, che gnanche neautre Sante fason nuia por nuia. Porché vade duto a bon fin chel che te à dito Giustina, te às da dà ai porete almanco metà de duto chel che te às fregou… sosto dacordo?

LIA: (che ha ascoltato con lo sguardo a terra, tremante) “… Beati de lo

paradiso, protetori de Auronzo, la vostra Lia vi ha ascoltati con divozione, e promete con il bacio de la Santissima Croce di fare e obbedire quanto avete dito.” (i Santi scompaiono) (musica)

PRIMO CANTASTORIE: “L indoman, pore Lia, la se desseda duta

sudiada e co na ziera… La se pensa de duto chel che la à visto n sogno la và de stala, la deslea la mula e pian pian la se nvia inze por Socosta. Chel che no é la vede duta la sena che Santa Ostina i avea mostrou fin le piante duto conpai.”

SECONDO CANTASTORIE: “Vicino ad un albero, le sembra di

vedere proprio quell'erba che Santa Giustina le aveva mostrato. Pian piano raccoglie molte foglie che mette nel sacchetto. Prima di avviarsi verso casa, guarda per bene tutto, per ricordarsi con esattezza il luogo, semmai in futuro servisse tornarci ancora.”

CANTASTORIE: “… Co la é a ciasa, la bete a boe l erba e la fei duto

come che i era stou dito.”

SECONDO CANTASTORIE: “Dopo cinque giorni, come predetto da

Santa Giustina, Lia si rimette in salute ed in poco tempo le ritornano le forze, meglio di prima. Non le restava che rispettare la promessa, e così distribuisce ai poveri, che nel frattempo si andavano accalcando vicino alla sua porta, quello che loro erano stati costretti a pagare per mezza scodella di acqua colorata.”

PRIMO CANTASTORIE: “I dis che la à viviù ncora n bar de ane e

cuan che la é duda de chel autro mondo, la ebe ciatou a spitiala San Luguan co l orse e Santa Ostina che i fasea zignoto. Mah! Fato stà che anche ncuoi che é belo passade tante, ma tante ane, é ncora calchedun che, cuanche và a dota, parcura sta erba, che da alora la dente ciama l erba de Lia.”

fin