Tradizioni popolari di Nuoro in Sardegna/Proverbi e detti popolari

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Proverbi e detti popolari

../Giuramenti ../Nomi e nomignoli IncludiIntestazione 11 novembre 2018 25% Da definire

Giuramenti Nomi e nomignoli

[p. 821 modifica]

PROVERBI E DETTI POPOLARI NUORESI.

(PROVERBIOS E TESTOS NUOORESOS).

1. Foza ’e murichesse
          chie la fachet la pessat.
          Foza ’e neulache
          chie la pessat la fachet.

1. Foglia di gelso,
          chi la fe la pensa.
          Foglia di oleandro,
          chi la pensa la fa.

Chi fa un male, pensa che gli altri sieno capaci di farlo, e chi pensa che gli altri facciano un male, una cattiva azione, è capace di commetterla egli medesimo.

% Mariane che aggrucat, mariane che *2. Volpe che gira, volpe che busca, buscat Chi va di qua e di lá busca sempre qualche cosa, specialmente se ha un po’ di astuzia come la volpe.

8. A su mariane sa coda l’impedit 3. Alla volpe la coda l’imbarazza.

Questo proverbio si adatta alle persone che trovano sempre delle scuse e dei pretesti per coprire i loro difetti.

4. Sa die bona si biet dae su man- 4. Il giorno buono [la giornata bella], zanu. si vede dal mattino. (Chi è buono, di buon indole e di retto sentire, o viceversa, è noto sin dalla sua prima fanciullezza).

5. Sos benes de campana 5. 1 beni di campana comente benin bana. come vengono vanno.

1 beni mal acquistati, o qualunque altra cosa poco onestamente acquistata, si perdono presto e male.

Questo proverbio ha l’origine da ciò che il popolo nuorese crede che i beni ecclesiastici, acquistati da privati, recano la scomunica e portano sfortuna al compratore.

8. Chie hat pane no hat dentes, A Chi ha pane non ha denti, chie hat aentee no hat pane. chi ha denti non ha pane.

Chi è ricco il piú delle volte non ha intelligenza nè buona volontá; e chi è intelligente e volenteroso non ha i mezzi per innalzarsi.

7. Su Re sichit su leppore a carni. 7. Il re raggiunge la lepre col carro.

È nota la velocitá della lepre e la lentezza del oarro.

Questo proverbio significa che la giustizia e l’autoritá lentamente raggiungono i colpevoli. [p. 822 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/830 [p. 823 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/831 [p. 824 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/832 [p. 825 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/833 [p. 826 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/834 [p. 827 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/835 [p. 828 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/836 [p. 829 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/837 [p. 830 modifica]Pagina:Rivista delle tradizioni popolari italiane, Anno I, 1893.djvu/838