Traduzioni e riduzioni/Miscellanea/Il Canto di Lytierse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Teocrito

../Ora gioconda ../L'aratura IncludiIntestazione 10 luglio 2020 75% Da definire

Miscellanea - Ora gioconda Miscellanea - L'aratura
[p. 107 modifica]


il canto di lytierse

Cerere fertile, ricca di spighe, oh! fa che le porche
tornino bene a la falce e che rendano più che si possa.

Forte legate le manne, o legatori, non passi
uno che dica: — I me’ soldi! che uomini in legno di fico!

Stia da la parte del taglio ver tramontana la bica,
ed a ponente vi guardi: così vi s’ingrossa la rappa.

Tempo di battere il grano, non fatelo il sonno a meriggio
quella è l’ora che più da le spighe si stacca la paglia.

Ora di mietere quando la cappellaccia si desta:
quando la dorme, non più: con un pisolo l’ore de l’afa.

Vive, la rana, da re, quei giovani! Cerca dimolto
lei, chi mesca da bere. Ce n’ha che le giunge a la gola!

Lèssale, tu fattore del fistolo, meglio le lenti:
non tagliarti le mani, segando un chicco in du’ pezzi.