Tre libri dell'educatione christiana dei figliuoli/Libro II/Capitolo 114

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Libro II - Capitolo 114

../Capitolo 113 ../Capitolo 115 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% cristianesimo

Libro II - Capitolo 113 Libro II - Capitolo 115


COME CIASCHEDUNO PUÒ FARE ELEMOSINA, ET DI UN CONSIGLIO DI SAN GIO. CHRISOSTOMO, PER I POVERI ARTEFICI.

Adunque non si spaventino i poveri, et non temano perche non sono ricchi di non poter esercitare questa bella virtù, ma del poco che hanno secondo il consiglio di Tobia, diano poco, ma però con molta prontezza, percioche sino à i savii del mondo hanno inteso, che lo essere più liberale non consiste nella maggior quantità, et valore del dono, considerato assolutamente, ma considerato per rispetto alle forze del donatore, onde tal volta un gran ricco donando per esempio cento scudi, donarà meno, che non farà un povero donandone un solo, oltra che il maggior atto di virtù, consiste nell’habito interiore, et nel maggior affetto del cuore, et per parlar christianamente nella maggior carità, et per questi rispetti disse il Salvatore, che la povera vedovella che offerì i due minuti, haveva offerto più di tutti. Ciascuno adunque per povero che sia, può esercitar la elemosina, et quando pure ogni facultà temporale mancasse, certo il farla con l’affetto del cuore, havendo compassione à gli afflitti, consolandoli con parole dolci, et eshortandoli alla patienza, pregando Iddio per loro, et altre cose simili, non ci possono mancar giamai, percioche come santo Agostino dice, niuno può dir con verità, Io non posso amare, et però anchora ciascuno può, et deve fare l’elemosine spirituali, che pendono dal solo affetto interiore, come per donar per amor di Dio à gl’inimici, consigliar fidelmente chi ne ha bisogno, et simiglianti, che si chiamano opere di misericordia spirituali. Ma il glorioso Padre san Gio. Chrisostomo, da un ricordo à i poveri artefici, onde molto facilmente patranno far elemosina anchor temporale. Ne sia di gratia alcuno che reputi leggiero il consiglio d’un tal santo, ma si sforzi di metterlo in prattica per bene dell’anima sua. Ciascheduno artefice, dice egli, quando vende alcuna cosa dell’artificio suo ò in qual si voglia modo prende danaro d’alcun suo lavorio, et fatica, ponga da parte una piccola particella non considerabile, come da noi si diria un baioco, ò un quattrino, et questo sia il danaro di Dio, et lo conservi in una cassetta ò in un bossolo à parte, et non intermetta mai di farlo, et à certi tempi poi lo apra, et dispensi il raccolto à i poveri del Signore.