Tre libri dell'educatione christiana dei figliuoli/Libro II/Capitolo 81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro II - Capitolo 81

../Capitolo 80 ../Capitolo 82 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% cristianesimo

Libro II - Capitolo 80 Libro II - Capitolo 82


ALCUNE RAGIONI, CIRCA IL PERSUADERE LA REMISSIONE DELLE INGIURIE.

Et per tanto oltra quello che si è detto di sopra, che il perdonare, et amare gli offenditori nostri ci rende simili a Dio, onde anchora diceva Giesù Christo, Beati i pacifici percioche saranno figliuoli di Dio, dimostri il padre al figliuolo già capace della ragione, che la vera nobiltà christiana non admette legge alcuna contra la legge di Dio, et però dica il mondo, et creda quello che vuole, che il vero, et falso honore non si prova al suo paragone, ma a quello di Dio. Erano i fortissimi martiri riputati dal mondo dishonorati, quando per non offendere il sommo Rè del cielo, lasciavano gli honori e i magistrati de i Rè della terra, et voluntariamente si scioglievano i cingoli militari, segno della nobiltà, et cavalleria, et nondimeno et in quell’atto, et nel patir la morte istessa per Dio, erano non meno honorati che forti, et valorosi. Il vero honore è premio della vera virtù, la vera virtù non consiste mai nella opinione altrui, ne meno in quello che altri ò faccia, ò dica, come ne anco il vitio, altrimenti seguitaria che uno potesse esser virtuoso ò vitioso per le opre di un’altro, ma non è cosi, anzi ciascuno è virtuoso per le operationi proprie, fatte deliberatamente per amor dell’honesto et per Dio, et cosi per contrario. Et certo saria cosa non solo dura, ma ridicola, che dopo haver alcun vivuto virtuosamente trenta et quaranta anni, il misfatto d’un altro gli togliesse l’honore; sino a i filosofi hanno inteso che meglio è patire che fare ingiuria, perche nel far l’ingiuria è l’ingiustitia, et con l’ingiustitia il peccato, et co’l peccato il dishonore, ne ci è cosa più vile, ne più dishonorata che il peccato. I medesimi filosofi co’l solo lume della ragione hanno inteso, ch’è cosa di animo generoso il disprezzare le ingiurie, et l’hanno attribuita per proprietà del magnanimo, et hanno anchora detto che niuna è maggior vittoria, che vincer la passione dell’ira et superar se medesimo; anzi et la ragione et la esperienza dimostra che le vili feminelle, et gli animi più timidi sono più vendicativi. Persuada adunque il buon padre il nobile et generoso giovanetto a operar virtuosamente, et se alcuno per invidia ò malevolenza detraherà alla fama sua, ridasene, percioche le opere istesse rispondono, et convincono colui come bugiardo et maligno, ma se per caso quello che gli viene opposto fosse vero non haverà ragione di adirarsi contra di lui, ma contra il suo medesimo peccato, et saviamente convertirà la meledicenza dell’avversario, in amichevole avvertimento; et questa è una delle utilità che si cava da gli inimici, si come alcuni scrittori gentili hanno dimostrato, che tal volta più giova uno inimico che un’amico, percioche per la sua mala voluntà ha l’occhio aguzzo, et penetra et scuopre i nostri difetti, et ci da occasione di emendarcene. Ricordi anchora il padre al figliuolo che segno di animo nobile è non per le piccole ingiurie render le grandi, ma per contrario per i piccoli servitii render larga mercede, et delle ingiurie scordarsene, et burlarsene, si come si legge che un Rè antico non christiano, ridendosi di alcuni che dicevano mal di lui, era solito dire; E cosa da Rè dopo haver fatto bene, udir male, ma senza dubbio è cosa da perfetto christiano far bene, et patir male in questa vita. Aggiunga il padre dicendo, che grave ingiuria si fa alla patria, quando altrui vuole esser giudice egli stesso delle ingiurie ricevute, et in disprezzo delle leggi, et dell’autorità publica, prende in mano la bacchetta et la potestà di castigare i rei, sopra de i quali non ha giurisditione alcuna, con grandissima perturbatione di tutto il governo, oltra che niuno è giusto giudice della propria causa, percioche l’affetto, et la passione non lasciano estimar rettamente l’offesa, ma sempre par maggiore, onde si vede per esperienza, l’eccesso grande d’un cuor appassionato d’ira, et sdegno, che per una paroletta, per una guardatura torta, per cosarelle d’aria, vuole il sangue, et la morte non d’un solo, ma di molti, etiandio innocenti, et l’esterminio d’una famiglia intera.