Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore/Distretto di Lavis II. Castelli (Castel Corona)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Distretto di Lavis II. Castelli (Castel Corona)

../Distretto di Lavis I. Topografia dei paesi ../Distretto di Mezzolombardo I. Topografia dei paesi IncludiIntestazione 23 ottobre 2019 100% Da definire

Distretto di Lavis I. Topografia dei paesi Distretto di Mezzolombardo I. Topografia dei paesi
[p. 122 modifica]

II.


CASTELLI


(Castel Corona)


Il Castel Corona sorge in eminenza sopra San Michele, dirimpetto la via che da questo paesello mena a Mezzolombardo. Nulla tiene della sua forma antica, ridotto com’è al presente ad una vasta Casa rurale che riceve un’ aspetto di castello dall’ altura su cui si trova e dai boschi che lo circondano. Un tempo era posseduto dai Signori di Piano; cadde in appresso in mano de' Conti del Tirolo, che se ne resero padroni e ve lo fecero amministrare da Vicarj da loro nominati; indi nell'anno 1648 (10 Marzo) fu ceduto a titolo pignoratizio ai fratelli Bartolomeo e Pietro Zenobio patrizj veneti, insieme colla relativa giurisdizione; la quale si estendeva su San Michele, Lavis, Faedo e Cembra. In fine la Casa Zenobio passò quel feudo, per via di donne, alla famiglia illustre de’ Conti Albrizzi di Venezia, e nell'anno 1835 i nuovi padroni rinunciarono al Governo i diritti di giurisdizione, e conservarono il possesso del Castello. [p. 123 modifica]

Distanze


in ore di cammino da Lavis a varii punti alpini.


  Da Lavis alla Cima della Corona per le Ville  ore 2 min. 15 
      "    al Monte Alto per Faedo  ore 2 min. - 
      "    alla Costa Secca per Faedo e le Buse  ore 1 min. 15 
      "    al monte Speggia per San Floriano  ore 4 min. - 
      "    al Calisio per Meano  ore 2 min. 15 


Il monte Corona (1032 m.) sorge a settentrione di Verla sul destro fianco dell'Avisio; dove all'arenaria, al Verrucano, al calcare conchigliare, succedono gli strati di Esino. Si copre nel versante settentrionale a bosco, mentre nella parte opposta non tiene che una superficie cespugliosa o ridotta a qualche pascolo. La sua cima s’eleva isolata e maestosa tra gli altri monti, e dà una vista che si estende (a mattina) dalle valli di Cembra e di Pinè alla Costalta e al Fravort; a Sporminore, allo Spinale et. (a sera ed a settentrione), e in fine (a mezzogiorno) alla valle dell’Adige sino a Besenello, Sant' Anna e più.

Il Monte Alto (1080 m.) si tiene, come il precedente, a nord di Faedo, ed è monte che si veste a boschi di faggio, di pino e abete, e dà bella vista sulle vallate vicine. — La Costa Secca (1344 m.) non offre [p. 124 modifica] altro che la sterilità significata dal suo nome e nessuna vista; — e il monte Speggia (1090 m.) che si tiene a nord di Lisignago, non diferisce di molto; ma ne compensa l’ ascesa, passando pel colle di San Floriano, dove si apre alla vista un vasto orizzonte.