Udite, colli, e voi rive feconde

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Benedetto Dell'Uva

U Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Udite, colli, e voi rive feconde Intestazione 8 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 415 modifica]

BENEDETTO (dell’) UVA.1


Udite, colli, e voi rive feconde,
     Cui di fior già copria perpetua vesta:
     Partito è Dio da voi; che più vi resta,
     O qual sperar potrete aita altronde.
5Del vostro sangue il Mar tingerà l’onde,
     L’onde cerulee in rosse: aspra tempesta
     Crollerà i mirti, e ’n quella parte e ’n questa
     Si vedran teschi, e non più fiori e fronde.
L’oro e l’argento, che a peccarti fue
     10Duce, portar vedrai, Cipro, in disparte,
     E farne il Trace e ’l Siro arme lucenti:

[p. 416 modifica]

I figli tuoi cadran di spada, e parte
     Di fame e peste, e le donzelle tue
     Schiomate serviran barbare Genti.


Note

  1. All’Isola di Cipro. quando vi si scagliò sopra Selino gran Signore de’ Turchi.