Un amico pensier talor mi sgrida

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Galanti

U Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Un amico pensier talor mi sgrida Intestazione 4 marzo 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Alessandro Galanti


[p. 195 modifica]

II


Un amico pensier talor mi sgrida:
     Questa Donna crudel fuggi, che morte
     A’ danni tuoi celatamente annida
     In dolci sguardi, e in parolette accorte.
5E allor ver lei colmo di sdegno: infida
     Ecco mi sciolgo già di tue ritorte,
     Già t’odio; e l’odio, or che ragion m’è guida,
     Sarà più dell’amor costante, e forte.
Mi arrossisco de i pianti, e dei sospiri
     10Sparsi lunga stagione per te d’intorno,

[p. 196 modifica]

    De i pensier, della speme, e de i desiri.
Ma che! Ad un lambo sol del viso adorno
     La Ragion fugge, e più crudi i martiri
     Fanno al mio sen col primo amor ritorno.