Uomo, che tenda a gloriosa fama

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Leopoldo de Villati

U Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Uomo, che tenda a gloriosa fama Intestazione 1 luglio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 408 modifica]

LEOPOLDO DE VILLATI.1


Uomo, che tenda a gloriosa fama
     Di senno, di fermezza, e di valore,
     In Francesco si specchi; e con stupore
     Vedrà ciò, che a ragion virtù si chiama.
5Come lode s’acquista, e gloria s’ama,
     Come va unito ad onestade amore
     Da lui si apprende; e qual’è de l’onore
     La dritta via, che di seguir si brama
Ma quel parlar, cui nullo stile agguaglia,
     10E lo scriver purgato, e di lui degno,
     Che altri, ch’egli non può spiegare in carte
E quel saper, ch’altrui cotanto abbaglia,
     Non vi s’impara che divino ingegno
     Per ventura s’acquista, e non per arte.


Note

  1. In lode di Francesco Petrarca.