Ve a càsa 'l so umen

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XX secolo

Canti cantastoria Ve a càsa 'l so umen Intestazione 7 aprile 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Ve a casa 'l so umèn,
al sent la dona brentulà:
Cusa gh 'i da brentulà?
Gh'è la fiola da maridà.
Né se 'l fioche ne 'l tempeste
l'è mia anada da maridà.
Cara figlia per pietà
ciaman pö gna' mama gna' per pupà.
Venderem du per da bo
e la dota te la farò.
L'è tri dì che l'è maridada
le la turna a la so cà
Cara mama e car papà
dem da bef e da mangià.
Quante volte che te l'ho dit
quante volte te l'ho averti?
e adès che te l'è vurì
marcia a ca cul to marì
né s'el porta la giachèta
né s'el porta i calsù
per le fiole maridade
l'è una gran sudisfasiù.


Traduzione

Torna a casa il suo uomo
e sente la moglie brontolare
Cos'hai da brontolare?
C'è la figliola da maritare.
Neanche se nevica o grandina
non è l'anno per maritarsi.
Cara figlia per pietà
non chiamare più né mamma né per papà.
Venderemo due paia di buoi
e ti farò la dote.
Son tre giorni che è sposata
e ritorna a casa sua
Cara mamma e caro papà
datemi da bere e da mangiare.
Quante volte te l'ho detto
quante volte ti ho avvertito?
e adesso che l'hai voluto
torna a casa con tuo marito
né se indossa la giacca
né se indossa i pantaloni
per le ragazze maritate
è una gran soddisfazione