Vene lu viento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XIX secolo

Canti cantastoria Vene lu viento Intestazione 7 aprile 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Vene lu viento e tocola 'e ccerase
Giacchino iesce e Ferdinando trase.
'O ppane è caro ed è mancato l'uoglio
fuie Giacchino ch'è benuto 'o 'mbruoglio.

2Damme de naso 'nculo
mamozio de pezzulo!
Cu' te l'aggio Burbone
piezzo de vastasone!
Faciste tanta trappule
pe' trasì dinto Napule
e mo' ca sì trasuto
grannissemo curnuto
'mmece de farce bene
ce daie guai'e pene.
Dicimmelo strellando
se fria Ferdinando!

3Dio te salve Ferdinando
Padre curdiale
avasce lu sale
io te l'avviso.
Si no puozze esse acciso
tu che nce sì arrivato
e chi te ci ha mannato
dinto a lu regno.

4Miettete nello 'mpegno
leva la funniaria
si no pure pe' l'aria
tu te ne vaie.
E lassarraie li guaie
comme 'ncappaie Giacchino
te fanno lu scarpino
pe' San Gennaro!

5Nun esse tant'avaro
cu' nuie Napulitane
Ca stammo senza pane
senza turnise.

6Suffrimmo tanta pise
tanta 'mpuseziune
e scauze e diune
simmo rummase.

7Ca chiste nun zo' squase
Nun dico la buscia
stammo 'mmiezo a la via
senza 'n aiuto.

8Sunammo lo flauto
e nun nce sta chi sente
si nun ce tiene a mente
nuie simmo muorte.

9E si nun stammo accorte
stu ppoco che è rimasto
faie comme a cane guasto
tu te lu zuche.

10Rieste sule le puche
Che te 'ntorzano 'ncanna!
Pozza mannà Sant'Anna
'nu terramoto!

11E puozze ave 'nu moto!
Te pozza portà la voria!
Nun puozze vedé gloria
de paradiso! Amen.


Traduzione

Arriva il vento e smuove le ciliegie
Gioacchino1 esce e Ferdinando2 entra

2Il pane è caro ed è mancato l'olio
scappa Gioacchino che è arrivato l'impiccio

3Annusami il sedere
mamozio de pezzulo! 3
Ce l'ho con te Borbone
brutto sporcaccione! ~~~~
Facesti tante trappole
per entrare in Napoli
e ora che sei entrato
grandissimo cornuto
invece di farci del bene
ci dai guai e pene.
Diciamolo strillando
si frigga4 Ferdinando!

4Dio ti salvi Ferdinando
Padre cordiale
cala il prezzo del sale
io ti avviso.
Altrimenti che tu possa essere ucciso
sia tu che sei venuto
sia chi ti ci ha mandato
nel regno.

5Impégnati
togli la fondiaria
se no anche per l'aria
tu te ne vai.5
E lascerai i guai
come successe a Gioacchino
ti fanno le scarpe ~~~~6
entro il giorno di San Gennaro! [19 settembre] ~~~~

6Non essere tanto avaro
con noi Napoletani
Che siamo senza pane
senza tornesi.7

7Soffrimmo tanti pesi
tante imposizioni
e scalzi e digiuni
siamo rimasti.

8Che queste non sono squase [?]
Non dico la bugia
siamo in mezzo alla via
senza un aiuto.

9Suoniamo il flauto
e non c'è chi sente
se non ci tieni a mente
noi siamo morti.

10E se non stiamo attenti
questo poco che è rimasto
fai come un cane macilento ~~~~
tu te lo succhi.

11Restino solo le lische di pesce ~~~~
Che ti strozzano la gola!
Possa mandare Sant'Anna
un terremoto!

12E [tu] potessi avere un colpo!
Ti potesse trascinare la bora!
[tu] Potessi non vedere la gloria
del paradiso! Amen.


Note

  1. Gioacchino Murat
  2. Ferdinando I delle Due Sicilie.
  3. fantoccio, о anche scemo, di Pozzuoli
  4. nel senso di vada a farsi benedire
  5. Verrai deposto
  6. Gioacchino Murat venne fucilato
  7. Monete dell'epoca

Canto della Restaurazione.


Voci correlate

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Gioacchino Murat

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Ferdinando I delle Due Sicilie