Versi a S. Nicolò delle Fusine

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

Alessandro Panciera 1902 V Versi a S. Nicolò delle Fusine Intestazione 2 febbraio 2017 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

"Nella fausta ricorrenza della visita pastorale di Mons.r Francesco Cherubin e della consacrazione della nuova chiesa parrocchiale di Zoldo Alto..." (a. 1902)

L era tant che i nùoist bùoin vege
S i sentiva a ciacolà
Che era picola, la Gìesia
Che ocoreva la sgrandà.

Che la dent é tant cressuda
No n é pi negunt decoro
E le femene debota
S à vedù andà sul coro.

Ma ste ciacole contava
Proprio manco de na scorza
Perché duti avea da caro
Tegnì dur inte la borsa.

Finalmente po chel sior
Che no stà massa lontan
Al i à dit: "Se ulé laurà
Mi ve daide da cristian.

Porté dut el material
Chel che ocor per fabricà
No dé fùora gnanca an soldo
Pense mi dut a pagà.

Podé crede, dut al popol
Che à sentù sta novità
I coreva duti cuaint
Da content andà a laurà.

Se vedeva insin i gobi
L era chi pi rezercai
Tant s i ndava o ch i vegniva
I era sempre caregai.

L era il paroco inte Gìesia
Sempre pront a predicà
Che chi oleva el paradis
No badasse a sfadigà.

Perché é l zìel la ricompensa,
Che bisogna merità,
Con fadighe e patiment
Che in caroza no se và.

E la dent contenta alora
S à metù duti a laurà
E in pùoch temp s à vedù sas
E saulon dut ingrumà.

E là presto tira e para
Taca inte e buta du
S à vedù la Gìesia nùova
Per incant a se auzà su.

Ma al demonio gran nemigo
Che à vedù sta novità
L à zercà con ogni intrigo
El lavoro de fermà.

El raduna l assemblea
De la tartara mason,
E l i manda su a sto mondo
A laurà de confusion.

Un pi furbo de sti mostri
Che se ciama Belzebù
s à incontrà inte Don Abondio
E al l à fat se sentà du.

"No te vede?" e l dis "Macaco!
Esto orbo o indormenzà?
Che na Gìesia alla roversa
Ch i é darè per fabricà?

Che te parelo polito
Che l Signor del Paradis
Sie tratà pedo de n can
Che stà a cuz sun paieriz?"

E pò chest no basta ancora
Te n à an autra da pensà
Se te à a caro chel intrigo
Che t à sempre rencurà.

Perché ades la và sui zocoi
No n é temp da butà via
Se te perde la parada
T à finì la marcanzia.

Và là pur da chela dent
Dì ch i é mat andà a laurà
Che na Gìesia a la roversa
No se pùol la fabricà.

E sto amigo senza testa
Proprio come an bacalà
Al scomenza a la reversa
Co la dent a predicà.

E perché l era anca vege
E tegnù par an bon om
L à catà da far partito
Ch i ghe dava anca reson.

E Pluton a suei colleghi
L à ordenà con magistero
Ch i girasse da ogni banda
Sinamente al Ministero.

Ch i laurasse a testa e corni
E per porte e per barcoin
per fà nasse de sta Gìesia
Duto cuant an rebalton.

Ma al paron che ne comanda
Che stà sora dut al zìel
l à ciamà sa magiordomo
Che é l arcangelo Michìel.

Varda là chela canaia
Che olea an dì fà da paron
Se l messeda la fortaia
Per fà dut an sanfason.

Tote su le tuei balanze
Và du e dà na scandiada
e dapò a le ment pi strache
I darai na refrescada.

Malapena abù l comando
Sto ministro s à calà
Da le neule a le montagne
Come l iride curvà.

E dapò che co la spada
L à sconfì chel gran nemigo
L à ciamà fùora de turno
Chi che era per intrigo.

L é stà come na bufera
Che se muda in zìel seren
Ven pi ciara l atmosfera
E pi sol lucido e bel.

E la Gìesia liberada
S à vedù per al Signor
E d artistiche memorie
Per al suo benefator.

E dapò che co la calma
S à tornà inpizà la lum
S à butà po generosi
Anca i capi del comun.

L é da i dà po duta stima
A chel sior de Talinera
Che se vede da i disein
Ingignìer de prima sfera.

Che no à badà a fadighe
Né a stagion de fret o caut
Pel decoro de sta Gìesia
E de duta Zoldo Aut.

No n é facile da sti dì
Catà fùora calche sior
Che laore dut a Gratis
per la gloria del Signor.

Con disein e con piture
Che fà là restà incantai
Anca chi che era contrari
Se anca i fusse anca ostinai.

Infra chel che spent i soldi
E chelautre la pitura
I fà vede sta Parochia
Con an otima fegura.

E la statua po stupenda
Che à acuistà dal Besarel
No l à par creatura
Ma vegnuda du dal zìel.

De vif no manca autre
Che pura la favela
E se se crede ai ùoge
No manca gnanca chela.

L autà po dut artistico
Formà da bon scultor
Per ornamento splendido
A la mare del Signor.

Orchestra coro e pulpito
Co simetria laurai
Merita an elogio
Duti chi ch i à fai.

Come che ben se l merita
Lontan da ogni censura
El capo de sti mistri
Che à fat l architetura.

Infrà sospiri e palpiti
De dent d ogni portada
Se vede con decoro
La Gìesia fabricada.

Lassé che calche stolido
Se lave pur la boca
Dio l à fata nasse
Guai a chi la toca.

(tratto da: Il primo centenario della consacrazione della nuova chiesa di Fusine (1902-2002), don Floriano Pellegrini, in Il maso ai Coi Bollettino n. 3, Segretariato Pellegrini da Zoldo, Giugno 2003, Zoldo Alto. NOTA: il testo qui proposto è l'adattamento alla grafia unificata dell'Istituto Ladin de la Dolomites della versione originale trascritta da don Floriano Pellegrini. Il Bollettino contiene anche una sua pregevole riscrittura del testo con adattamento alla fonetica di Coi ed alcune correzioni, perlopiù volte a rendere più schietto il dialetto)