Vite dei filosofi/Libro Ottavo/Vita di Epicarmo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro Ottavo - Vita di Epicarmo

../Vita di Empedocle ../Vita di Archita IncludiIntestazione 20 luglio 2022 75% Da definire

Diogene Laerzio - Vite dei filosofi (III secolo)
Traduzione dal greco di Luigi Lechi (1842)
Libro Ottavo - Vita di Epicarmo
Libro Ottavo - Vita di Empedocle Libro Ottavo - Vita di Archita

[p. 222 modifica]

CAPO III.



I. Epicarmo figlio di Elotalo era coo, ed esso pure discepolo di Pitagora. Fu portato, che avea tre mesi, di Sicilia a Megara, e di là a Siracusa, siccome racconta egli stesso, nelle sue opere. — Alla sua statua fu posto questo epigramma:

  Quanto le stelle il magno sol brillando
     Vince, e quanto de’ fiumi ha maggior possa
     Il mare, tanto, affermo, d’Epicarmo
     La sapienza primeggia, che cotesta
     Patria siracusana incoronava.

II. Lasciò de’ Commentarj, in cui tratta di cose naturali,di sentenze, di medicina; e a molti di essi fece gli acrostici, da cui si conosce che gli scritti sono suoi. Campato novant’anni, finì di vivere.