Voci della notte/Angelica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Angelica

Voci della notte ../Notte bianca IncludiIntestazione 12 settembre 2019 100% Da definire

Voci della notte Notte bianca

[p. 3 modifica]

Angelica

Il nome glielo aveva imposto la mamma, sperando che con quel nome la sua bambina dovesse proprio parere un angelo tale quale.

Già degli angioletti aveva la chioma ricciutella e rocchio ceruleo; senonchè crescendo negli anni, la mamma si accorse, e tutti potettero accorgersi, che in quella testolina ricciuta non v’era una sola dramma di cervello.

A quindici anni Angelica parlava come parla un bambino di quattr’anni e rideva, rideva sempre, mettendo in mostra due file di denti bianchi e aguzzi come quelli di un canino giovane. Era belloccia, con tutti quei capelli scomposti sul collo e sulle spalle, le guance paffute e gli occhi chiari, trasparenti, nei quali la pazzia benigna da cui era presa accendeva un raggio non privo di grazia. [p. 4 modifica]

La sua vita vegetale, spoglia di qualsiasi pensiero, le dava una freschezza di fiore, qualche cosa di ingenuo e di selvaggio. A vederla correre per i prati colle vesti sparse di fieno, coi piedi nudi, con quel sorriso inconscio d’ogni malizia, felice nella sua completa ignoranza, non si poteva commiserarla troppo.

Chi sa! Ella aveva delle gioie che gli altri non arrivavano a capire. Parlava cogli alberi, coi sassi, colle belle giovenche grasse che pascolavano l’erba ed alle quali accarezzava il pelo con una tenerezza materna, piangendo se vedeva mungerle perchè era persuasa le facessero male.

Stava delle giornate intere seduta per terra trastullandosi coi rami verdi, colle pannocchie di grano turco; guardando i ruscelli che correvano sotto i filari di salici o gli alti pioppi di cui il vento faceva tremolare le foglie. Ascoltava, attenta, il canto delle cicale e dei grilli, il gracidare delle rane in mezzo alle risaie, il ronzio delle libellule; più ancora ascoltava il silenzio, il grave, solenne silenzio della pianura. Fin dove l’occhio poteva spaziare, alberi verdi e prati verdi si fondevano in una dolce monotonia, e Angelica l’amava questa monotonia serena che armonizzava così bene col silenzio del suo cervello.

Essendole morta la mamma improvvisamente, per una caduta, non aveva più nessuno che si [p. 5 modifica] occupasse di lei. Il padre poverissimo fra i più poveri di quei contadini, la lasciava in balìa della provvidenza ragionando in questo senso: che se Qualcuno aveva messo al mondo la sua figliuola senza cervello, doveva pure Costui sorvegliarla.

Quanto a’ suoi doveri di padre, che poteva egli fare di più se non ammanirle ogni sera sul desco un pezzo di pane giallo o di polenta?

Ogni sera veramente è una frase troppo precisa, che non lascia il debito campo alle eccezioni; il fatto è che quando ne aveva, ne serbava anche per la ragazza — e allora, vedendola sbocconcellare allegramente senza un pensiero il sudore della sua fronte, rifletteva: Ecco, non poteva Domeneddio mandare questa creatura a un grande della terra, a un signore che l’avrebbe mantenuta con tutti i suoi agi, con tutti i comodi di servitù e di medici? — e a me dare un robusto ragazzo che mi aiutasse a sarchiare e a battere il grano? Meschino me che mi trovo vecchio e gramo con questo peso sulle spalle! — e cresce sempre! e mangia tutti i giorni più del giorno prima.

A questo punto malinconico delle sue riflessioni il vecchio si arrestava a contemplare la fiorente giovinezza di sua figlia, e poi per naturale confronto volgeva gli occhi sulle proprie rughe, profonde tanto da parere solchi d’aratro — si sentiva stanco, sfinito da quella lotta [p. 6 modifica] giornaliera per il pane, lotta brutale senza gloria e senza compensi, che aveva spento in lui qualunque concetto d’umanità per sostituirvi l’idea del bisogno — e concludeva, accasciandosi nella sua impotenza: Fin che la dura!...

La moglie di un affittaiolo, impietosita al caso della povera ragazza, la fece venire da lei tutto un inverno, incaricandola di sorvegliare i polli e di portare l’acqua e la legna. Parve che Angelica si sottomettesse docilmente; qualche volta mostrava anche un barlume di intelligenza, che però svaniva subito in uno scoppio di risa infantili e in quel suo modo di guardare fisso, insistente, pieno di una inconsapevole sfrontatezza.

Si faceva sempre più bella, bianca, di forme piene se non eleganti; quando rideva, co’ suoi dentini aguzzi, era piacevole oltre ogni credere; aveva due pozzette nelle guance fresche e rosee come pesche duracine.

— Badate — aveva detto una volta al padre la moglie dell’affittaiolo — la vostra ragazza è in pericolo. C’è Gaetano lo zoppo, quel cattivo arnese, che la pedina alla sera quando torna a casa.

— Guà! — rispose il contadino divenuto stoico in mezzo alle sofferenze — se è destino, lui o un altro!

In quel torno la buona massaia si occupò per far ritirare Angelica in un ospizio di carità. Ne [p. 7 modifica] parlò al curato, ne parlò al sindaco, ma trattandosi di un’infermità secondaria ed essendovi tanti e tanti altri in peggiori condizioni, conveniva pagare. Ora, il curato pensava ai restauri della chiesa, il sindaco all’epizoozia che gli aveva decimato i bovini e la moglie dell’affittaiolo giusto quell’anno aveva mandato agli studi un figliolo che le costava un occhio. Conveniva pazientare.

Quando venne la primavera, non fu più possibile tenerla. Angelica tornò a’ suoi prati verdi, al mormorio dei ruscelli, sotto i salici, dove la pianura era più larga, più silenziosa e deserta.

Là ritrovò tutti i suoi vecchi amici: i grilli, le rane, le cicale. C’era un pioppo alto alto pieno di uccelli, e Angelica sedeva all’ombra di quel pioppo, coi ginocchi tirati su stretti fra le mani, dondolando il capo da destra, a sinistra, in una beata estasi di felicità.

Una volta ebbe paura perchè udì uno sparo di fucile a pochi passi da lei, ma subito dopo sbucò dagli alberi un giovinotto, e pienamente rassicurata da quella vista, lo guardò e gli sorrise.

Il giovane era forestiero — un bracciante capitato in paese da pochi giorni. Guardò e sorrise anche lui alla giovinetta, anzi, per abbondare in generosità, le si fece accanto e l’accarezzò sotto il mento.

Angelica rise più forte, allettata da quell’incontro, fissando il giovane con una curiosità che [p. 8 modifica] metteva delle scintille fosforescenti in fondo ai suoi occhi; nè ci volle gran tempo perchè nel silenzio dei prati, all’ombra dell’alto pioppo, risuonasse un bacio.

Troppo tardi il giovane si accorse dell’infermità della fanciulla, quando a un segreto senso di rimorso, ella rispose col suo eterno sorriso — e però si allontanò in preda a un turbamento nuovo e bizzarro.

Era un povero contadino anche lui, ignorante, niente affatto esente dalle debolezze dei figli d’Adamo; aveva vent’anni e nessuna attitudine a fare l’eroe. Il giorno dopo e gli altri ancora tornò ai prati; si era avvezzato alla dolce follia di Angelica, la sua fresca bellezza lo attirava; forse ragionando anche lui col metodo corrente pensava: quello che è fatto è fatto.

I loro amori continuarono sereni tutto il tempo della mietitura; e poi dopo ancora quando gli alberi incominciavano a ingiallire e sui prati si stendeva un fitto e risonante tappeto di foglie secche. Angelica aveva imparato il nome del suo amante; lo ripeteva alle rane ed ai grilli, aspettando pazientemente ch’egli venisse a trovarla, ridendo e battendo le mani quando lo vedeva spuntare da lontano.

Soltanto verso i morti la moglie dell’affittaiolo tirando in disparte il padre d’Angelica (che si era appena riavuto della pellagra ed era più rifinito che mai) gli disse: [p. 9 modifica]

— Le mie predizioni si sono avverate, eh?

— Cioè?

— Guardate un po’ la vostra ragazza e ditemi se non vi pare mutata.

Il vecchio si strinse nelle spalle, sollevò gli occhi al cielo, e per tutta risposta esclamò:

— Se Dio lo ha permesso, saprà lui il perchè.

— Stupidi contadini — penso l’affittaiola — sono come le bestie!

Intanto il nuovo stato di Angelica si faceva palese; ella non capiva nulla ed era sempre felice. Fu interrogata invano dalle donne e dal padre, finchè non potendo saper nulla di positivo, i sospetti caddero su Gaetano, lo zoppo. Naturalmente quello negò, ma siccome avrebbe negato anche se fosse stato lui, non gli si volle prestar fede.

Una o due volte Angelica pronunziò il nome del suo amante, che era Piero; e siccome dei Pieri in paese ne avevano almeno venti, ciò non fece caso; a nessuno poi venne in mente che si chiamava Piero anche un giovane bracciante venuto a lavorare come soprannumerario e che era già partito da qualche settimana.

La moglie dell’affittaiolo si attaccò questa volta seriamente ai panni del sindaco, e non ebbe pace finchè non le promise di far ritirare la ragazza. Nel frattempo Angelica andava ancora quasi tutti i giorni nei prati ad aspettare il suo amante; ma il suo amante non veniva più. Ciò peraltro [p. 10 modifica] la lasciava calma. Sedeva sul ciglione della strada, in mezzo alla neve, guardando tutto quel bianco che era venuto dopo tutto quel verde; raccattava delle manciate di neve e le trangugiava, passandosi la mano sul petto, deliziata dalla frescura che scendeva dentro di lei.

Una sera non la videro tornare.

Il padre, dopo averla attesa due ore accanto al suo pezzo di polenta, dolente nel pensare ch’egli se ne privava, forse inutilmente, per una disutilaccia oziosa e vagabonda, interrogò l’affittaiola che era il suo oracolo.

La buona donna volle spedire subito un famiglio sulle traccia della smarrita, ma il famiglio doveva mungere le vacche fra mezz’ora e non c’era tempo sufficiente. Il padre sarebbe andato lui se non fosse stato così vecchio e macilento. C’era un bifolco lì vicino, ma essendo ammogliato di fresco, la sua sposa aveva paura a starsene a letto sola e non permise a niun patto che si allontanasse.

— Oh! Foss’io un uomo! — esclamò l’affittaiola sdegnata.

Ma anche questo non avendo concluso nulla, e trovandosi inoltrata la notte, fu deciso di aspettare l’alba.

· · · · · · · · · · · · · · · · ·

Alla mattina — una fredda e limpida mattina di gennaio — due uomini spediti dall’affittaiola trovarono Angelica morta nei prati, e al suo [p. 11 modifica] fianco una creaturina appena nata, bella come un amore e fredda anch’essa come la madre.

Quando portarono i due cadaveri al vecchio contadino, egli disse una fila di Jesus, Jesus, Jesus, levando al cielo le scarne braccia, e poi rassegnandosi, mormorò:

— Almeno lei non soffre più.

L’affattaiola fece fare a sue spese una bella cassa grande dove misero la madre e la figlia, colle mani intrecciate legate da un nastro bianco.

Al modesto funerale concorse poca gente perchè gli uomini quel giorno erano occupati a concimare i prati, e fra le donne correva la superstizione che i funerali dei pazzi fanno diventar loschi dell’occhio sinistro. Fece perciò molta meraviglia il vedere ritto accanto al cancello del cimitero il giovane bracciante, che era venuto nell’estate a falciare; e certamente la meraviglia sarebbe cresciuta se, al momento di calare la bara sotterra, qualcuno avesse osservato la grossa lagrima che cadeva dagli occhi di quel forestiero.