Pagina:Elogio funebre di Carlo Felice I di Savoia (Marongiu Nurra).djvu/30

Da Wikisource.
30
 
 


(1) Appena giunse la nuova della malattia grave del Re, si celebrava un triduo in tutte le Chiese della Città non meno che della Diocesi per implorare da Dio la sanità dell’augusto Infermo. Il Rev.mo Capitolo insieme al Magistrato Civico, ed al Corpo dell’Università degli Studj, Corpi regolari, e Confraternite pregavano singolarmente nella Cattedrale per l’istesso importante oggetto. Così ancora il Sig. Governatore della Città unito al Magistrato della Reale Governazione, ed al Corpo de’ Militari di guarnigione, Magistrato Civico, e regj professori facevano altro triduo accompagnati da un concorso numeroso di popolo. Il medesimo Sig. Governatore continuava pure le sue fervide preghiere unite a quelle delle Monache Cappuccine, che non cessavano mai d’implorare il ristabilimento della preziosa salute di S. M.: e tutti in somma i Corpi rispettabili di questa Città mostrarono a gara l’attaccamento e l’amore veramente cordiale verso il loro Sovrano, siccome anche oggi con egual premura si fanno a pregare pace e riposo all’august’Anima di lui.

(2) Vittorio Amedeo III.

(3) Carlo Emanuele IV., che rinunciò la Corona a Vittorio Emanuele, mentre Carlo Felice era Vice-Re del Regno.

(4) La recita del S. Rosario.

(5) Vedi il Discorso di D. Lodovico Baille stampato in Genova nel 1821.

(6) Placido Benedetto Conte di Moriena, e Maurizio Maria Duca di Monferrato Governatore di Sassari di sempre grata reminiscenza.

(7) Monsig. D. Carlo Arnosio zelantissimo Arcivescovo di Sassari.

(8) Il Regio Biglietto dei 22. Gennajo 1822.

(9) Ogliastra.

(10) Vedi Guichenon, Histoire de la R. Maison de Savoje.

(11) Vedi i Pregoni dei 12. Ottobre 1804., dei 6., e dei 28. Novembre detto anno.

(12) Regio Editto degli 8. Febbrajo 1828.

(13) La Cattedra di Chimica, ed il Regio Editto dei 24. Giugno 1823.

(14) Detto R. Editto dei 24. Giugno 1823.

(15) Vedi il citato Discorso di D. Lodovico Baille.

(*) Vedi la descrizione stampata nella Gazzetta Piemontese N°. 80.