A fine di riposo sempre affanno

Da Wikisource.
Benuccio Salimbeni

XIV secolo A Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura A fine di riposo sempre affanno Intestazione 27 agosto 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV


[p. 146 modifica]


     A fine di riposo sempre affanno,
E zappo in acqua e semino in su rena;
E la speranza mi lusinga e mena,
D’oggi in dimane; e così passa l’anno.
     5E son canuto sotto questo inganno
Senza poter ricogliere un dì lena:
Ma la speranza paura raffrena
Vedendo come gli anni se ne vanno.
     E temo ch’io non compia mia giornata
10Senza potermi ponere a sedere:
E terza è ora, e nona è già sonata:
     Poi viene il vespro, e vorrei volere
Da capo fare una bella levata:
Questo volere non ha più potere.
     15Però ricorro a te, Bindo Bonichi.
Che queste cose mi consegli e dichi.