Ad una in Paradiso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
inglese

Edgar Allan Poe 1834 A XIX secolo Ernesto Ragazzoni poesie letteratura A una in Paradiso Intestazione 13 agosto 2009 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie (Ragazzoni)


 
Tu fosti per me tutto, tutto, amore,
onde l’anima mia sofferse tanto.
Un’isola d’incanto
o amore, tutta verde in mezzo al mare,
5una pura sorgente ed un altare
inghirlandato d’ogni dolce frutto,
e d’ogni fiore:
e d’ogni fior, di tutto,
ero il Signore.

10O sogno troppo bello e sorridente
per essere durevole! O Speranza
fulgida ch’apparisti dolcemente
per lasciarmi di te la rimembranza.
Un grido dal futuro grida: «Avanza,
15avanza e sorgi!» Ma, sovra il passato,
(abisso desolato)
l’anima mia si giace,
ammutolita, vinta, senza pace.

Sparita! Ahimè, sparita
20ora è per me la luce della vita.
«Mai più! Mai più» (così l’onda selvaggia
del mar dice alla sabbia della spiaggia)
«Mai più, mai più la rovere percossa
dal fulmine e stecchita,
25darà virgulti, e l’aquila ferita
si librerà colla sua prima possa».

Un’ombra i giorni miei funebre inghiotte,
e tutti i sogni miei, tutti, ogni notte,
mi conducono là, dove scintilla
30la bruna tua pupilla,
e dove i passi tuoi su eteree aiuole
e presso una divina acqua tranquilla
si lascian dietro a danza orme di sole.

(1834)