Adiecta (1905)/I/VII

Da Wikisource.
Epifania

../VI ../VIII IncludiIntestazione 22 novembre 2014 100% Da definire

I - VI I - VIII
[p. 328 modifica]

EPIFANIA



     Nella profonda tenebra
passava il disperato urlo del vento;
     sulla terra pesavano
4la neve, la miseria e lo spavento,

     quando una fiamma vivida
arse nel ciel come una immensa face
     e un santo coro d’angeli
8cantò: «a Dio gloria ed alla terra pace!»

     Lieti i pastor salirono
sotto quel lume per la via deserta
     e doni assai recarono,
12poichè fede non v’ha senza l’offerta.

     Ma quando i Magi udirono
l’inno di pace andar per l’universo,
     ebber paura e dissero:
16«Se l’inno canta il vero, il regno è perso!»

[p. 329 modifica]


     E sui cammelli posero
molt’oro, poca mirra e meno incenso
     ed a Betlemme vennero
20in carovana, pel deserto immenso.

     Giunti i Re dentro al misero
presépe, albergo dell’Amor divino,
     i doni anch’essi offrirono,
24adorando la Madre ed il Bambino:

     ma pur curvati ed umili,
volsero gli occhi attentamente intorno
     e, visto quel che vollero,
28ripresero la via col nuovo giorno

     e consolati dissero:
«Finchè l’asin digiuna e il bue lavora,
     per noi non c’è pericolo
32e i nostri figli regneranno ancora!»