Adiecta (1905)/II/XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Neve

../XVIII ../XX IncludiIntestazione 20 febbraio 2015 100% Da definire

II - XVIII II - XX
[p. 431 modifica]

NEVE


     Nelle soffitte squallide
fra i cenci desolati,
morde la fame i visceri
4dei bimbi assiderati,
ma le innocenti lacrime
fredda la terra beve....
quante miserie piangono
8sotto la bianca neve!

     Traggon l’oscene maschere
i passi titubanti
all’osterie che ruttano
12urli, bestemmie e canti;
brucia l’ebbrezza ignobile
come una fiamma breve....
quanti coltelli uccidono
16sotto la bianca neve!

[p. 432 modifica]


     Scalzo nel fango, un lacero
stuolo di forme umane
chiede il diritto a vivere,
20vuole lavoro e pane;
ma l’onta ed il rimprovero
e non il pan riceve....
quante vendette covano
24sotto la bianca neve!

     Guata su l’acque livide
il vecchio pensieroso
e l’acque gli promettono
28la gioia del riposo.
Ai vinti, ai mesti, ai deboli,
gittar la vita è lieve....
quanti sepolcri s’aprono
32sotto la bianca neve!