Ahi come siede addolorata, e mesta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Malatesta Strinati

A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ahi come siede addolorata, e mesta Intestazione 18 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Malatesta Strinati


[p. 393 modifica]

II1


Ahi come siede addolorata, e mesta,
     Pallida in volto, con dimesse ciglia,
     Preda d’aspro martir, che il cuor le infesta
     L’unica di Sion inclita figlia!
5Già sotto spoglia di grand’or contesta
     Fra varie sete, o candida, o vermiglia,
     Or cinta di granaglia atra, e funestà,
     Quale un tempo era già, più non somiglia.
L’allegre veglie, i lieti balli, e ’l canto,
     10Ove di sacre squille il suon l’appella,
     Cangia in preci divote, e in canto
Ricerchi Roma, e non appar più quella,
     Negletta è sì, ma sì negletta, oh quanto
     Alle luci di Dio sembra più bella!