Alcuni opuscoli filosofici/Lettera a Monsignore Giovanni Ciampoli (2)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Altra lettera al medesimo Monsignore Giovanni Ciampoli

../Discorso sopra la vista ../Discorso del modo di conservare i grani IncludiIntestazione 1 febbraio 2012 100% saggi

Altra lettera al medesimo Monsignore Giovanni Ciampoli
Discorso sopra la vista Discorso del modo di conservare i grani


[p. 36 modifica]

Illustrissimo, e Reverendiss. Signore


Padron Colendissimo.


È verissimo ch’il mio discorso intorno all’occhio, & al modo di farsi la visione, che mandai a V. S. Illustrissima i giorni passati, è imperfetto, e non finito, ma perche mi sono accorto, che tanto ci mancava a finirlo quella sera, che serrai la lettera, quanto, ci sarebbe mancato, di quà a cento, o più migliaia d’anni, se tanti io potessi continuare a scrivere intorno alla stessa materia, però mi è mancato l’animo, e cascata la penna di mano, & ho risoluto d’abbandonare l’impresa, bastandomi d’avere incominciato, se pure averò incominciato bene, e lascerò, che quelli tanto esosi alla grandezza di V. S. Illusstriss. arrivino al fine, i quali misurano la grandezza della Natura con la scarsa misura del lor cervello.

È vero che mi sono sovvenuti diversi altri particolari, ma perche molti di quelli si possono risolvere facilmente nel medesimo modo, e molti altri ricevono stabilimento maggiore da diverse altre proposizioni, però non sono passato più avanti colla mia scrittura; massimamente perche da principio intrapresi solo a scrivere a V. S. Illustriss. quello ch’aveva a quei due Illustrissimi Prelati miei Signori rappresentato.

Voglio aggiungere però, che non posso mai a bastanza [p. 37 modifica]maravigliarmi del profondo sapere di quelli, che co’ loro trattati presumono d’abbracciare non solo una materia intiera, e tutto quello, ch’intorno a quella si puo dire, e pensare; ma pretendono di fare le Poliantee, le Enciclopedie, le Filosofie intiere, & assolute; O Dio! è pure la verità, che il sapere assoluto, e perfetto è mestiere solo Divino, & a Dio solo tocca sapere il tutto, come ben disse quegli, che professava di non saper nulla. Deus solus re vera sapiens est, O viri Athenienses. A noi tocca in questa vita solo sapere qualche cosetta, & anche assai imperfettamente, però mi pare, che sia troppo gran temerità il pretendere d’intendere perfettamente, & assolutamente le cose della Natura; e sono per dire, e tengo, che sia un volerla far del pari con Dio stesso, dicendo, similis ero Altissimo. Ma comunque sia, sappiano altri il tutto, dico, beati loro; me infelice, conosco di sapere molto poco, e dirò meglio, niente. Però V. S. Illustriss. mi perdoni se ho finito quel discorsetto della vista col non finirlo, e mi conservi nel numero de’ suoi servidori.