Amori (Savioli)/XVII - Le Fortune

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVII - Le Fortune

../XVI - All'Amica abbandonata ../XVIII - All'Amica inferma IncludiIntestazione 12 dicembre 2011 100% Raccolte di poesie

XVI - All'Amica abbandonata XVIII - All'Amica inferma


[p. 84 modifica]

Invan t’opponi: a Venere
     I voti miei fur cari;
     Pace l’udíi promettere
     4Dagli abbracciati altari.

Pietosa Dea di lagrime
     Bagnò le offerte rose,
     E della mia vittoria
     8La cura al figlio impose.

Cedi: timor consigliano
     Le conosciute prove.
     Chi puote a lui resistere,
     12Se la sua madre il move?

[p. 85 modifica]


Nè a sagrifizio ignobile
     Te con tuo danno ei chiede,
     Nè de’ suoi fidi all’ultimo
     16Le spoglie tue concede.

Taccio, o ’l dirò? giustizia
     Per poco al ver si faccia:
     Difficile modestia
     20Non se n’offenda, e taccia.

Enea, l’eroe magnanimo
     Ai sommi Dii sì caro,
     Anch’egli osò fra gli uomini
     44E pio vantarsi e chiaro.

Se infin di noi memoria
     Vivrà, se nulla io sono,
     Tutta d’Amor propizio
     48La mia fortuna è dono.

[p. 86 modifica]


Egli discese ai talami
     Di cento belle il Nume,
     E i nostri carmi stettero
     52Sulle vietate piume.

Per lui fur cari, ed ebbero
     Ne’ freddi cor virtute:
     Tanto giammai non valsero
     56Preghiera, o servitute.

Per lui le man più timide
     Scrivean gli ardor segreti:
     Ei m’offeriva immagini,
     60Favori ed amuleti.

Dolce onestà, che moderi
     L’alme col santo impero,
     Tu vela i nomi incogniti
     64Con rigido mistero!

[p. 87 modifica]


Non precedeva i rapidi
     Piacer la giusta pena;
     I brevi dì bastavano
     68Alle conquiste appena.

De’ miei trionfi il numero
     Vidi, e nojarmi osai:
     Timore al cor m’indussero
     72D’Orfeo la sorte, e i guai.

Troppo alle belle in Tracia
     Piacque per sua sfortuna;
     Tutte ad un tempo il vollero,
     76E solo il volle ognuna.

Ei lacerato, Euridice
     Rivide ombra sanguigna.
     Ahi tanta in cor femmineo
     80Mortale invidia alligna!

[p. 88 modifica]


Ma i tempi nostri ispirano
     Consigli assai più miti,
     E un novo amor le vendica
     44De’ vecchi amor traditi.

Tu pensa intanto, e docile
     I voti nostri approva.
     Or puoi: le sorti cangiano,
     88Nè ’l desíar più giova.

Per quel color purpureo,
     Che il tuo bel viso ha tinto,
     Per gli occhi tuoi, che languidi....
     92Ma tu sorridi? ho vinto.