Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Anno 86

../85 ../87 IncludiIntestazione 25% Da definire

85 87


[p. 335 modifica]

Anno di Cristo LXXXVI. Indizione XIV.
Anacleto papa 4.
Domiziano imperadore 6.


Consoli


Flavio Domiziano Augusto per la dodicesima volta, e Servio Cornelio Dolabella Metiliano Pompeo Marcello.


Tutti questi cognomi ho io dato al secondo de’ consoli, seguendo un’iscrizione da me1 pubblicata, e creduta spettante al medesimo personaggio. Abbiamo da Giulio Capitolino2, che in quest’anno venne alla luce Antonino Pio, il quale vedremo andando innanzi imperadore. E in questi tempi ancora, siccome scrive Censorino3, Domiziano istituì in Roma i Giuochi Capitolini, i quali continuarono di poi a celebrarsi ad ogni quarto anno, a guisa dei giuochi olimpici della Grecia. Si solennizzavano in onore di Giove Capitolino. Per testimonianza di Svetonio4, in que’ giuochi varie erano le gare e contese dei professori dell’arti. Chi più degli altri piaceva nel suo mestiere, ne riportava in premio una corona. Faceano un giorno le lor forze gli atleti; un altro dì i cantori e sonatori; un altro gl’istrioni o commedianti. V’era anche il giorno destinato per li poeti; e il suo per chi recitava prose in greco o latino. Stazio Papinio poeta5 recitò allora al popolo una [p. 337 modifica]parte della sua Tebaide, che non piacque; e in confronto di lui furono coronati altri poeti. Vi si videro ancora non senza dispiacer de’ buoni, fanciulle pubblicamente gareggiare nel corso. Come pontefice massimo presiedeva a questi giuochi Domiziano, vestito alla greca, portando in capo una corona d’oro, perchè i sacerdoti costumavano nelle lor funzioni di andar coronati. Abbiamo da Dione6 e da Svetonio7 che Domiziano, oltre al suddetto spettacolo ed altri straordinari, usò ogni anno di fare i giuochi quinquatri in onor di Minerva, mentre villeggiava in Albano. In essi ancora si miravano cacce di fiere, divertimenti teatrali, e gare d’oratori e di poeti. Non contento Domiziano di profondere immense somme di danaro in tali spettacoli, tre volte in vari tempi diede al popolo romano un congiario, cioè un regalo di trecento nummi per testa. Così nella festa dei Sette monti, mentre si facea uno spettacolo, diede una lauta merenda a tutto il popolo spettatore, in maniera pulita di tavole apparecchiate ai senatori e cavalieri, e alla plebe in certe sportelle. Nel giorno seguente sparse sopra il medesimo popolo una quantità prodigiosa di tessere, cioè di tavolette, nelle quali era un segno di qualche dono, come di uccelli, carne, grano, ec., che si andava poi a prendere alla dispensa del principe. E perchè erano quasi tutte cadute ne’ gradini del teatro o anfiteatro, dove sedea la plebe, ne fece gittar cinquanta sopra cadaun ordine de’ sedili de’ senatori e cavalieri. Certo è che gl’imperadori, per guadagnarsi l’affetto del popolo, coll’esempio d’Augusto, il ricreavano di quando in quando colla varietà de’ giuochi pubblici, e più lo rallegravano con dei regali. Ma in fine queste esorbitanti spese di Domiziano tornarono, siccome dirò, in danno dello stesso pubblico, perchè l’erario si votava con sì fieri salassi, e per [p. 338]ristorarlo egli si diede poi alle crudeltà e alle oppressioni de’ cittadini.

  1. Thesaur. Novus Inscript., pag. 113, n. 2.
  2. Capitolinus, in vita Antonini Pii.
  3. Censorinus, de Die Natali, cap. 18.
  4. Suetonius, in Domitiano, cap. 4.
  5. Statius, in Sylv.
  6. Dio., lib. 67.
  7. Sueton. in Domitiano, c. 4.