Antichi monumenti di Siracusa/Tomo primo/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
§. 3. Tica terza città di Siracusa sua fondazione, e fuoi confini

../2 ../4 IncludiIntestazione 5 dicembre 2016 25% Da definire

§. 3. Tica terza città di Siracusa sua fondazione, e fuoi confini
Tomo primo - 2 Tomo primo - 4
[p. 33 modifica]

§. 3.

Tica terza città di Siracusa sua fondazione, e suoi confini.


Chiamaai Tica la terza città di Siracusa, come abbiam da Cicerone act. V. in Ver. lib. IV. tertia est urbs, quae, quod in ea parte Fortunae Fanum antiquum fuit, Tyche nominata est.. Plutarco in Vit. Marc. la dice Neam, e Tycham. Intorno a Tica, e al tempio della Fortuna si [p. 34 modifica]legga il §.1.&.2. Venne fabbricata dopo la morte di Archia Corinto, o sia verso il fine del secolo VII., o sul principio del VI. prima della nascita di Gesù Cristo nel governo misto tra gli ottimati, e i popolari, che poi cambiato venne in perfetta aristocrazia, e quindi in democrazia; onde prima del re Gelone, che principiò a regnar negli anni 485., Tica esistea. Era situata in un luogo eminente, e molto popolata. Da levante guardava Acradina, dalla quale era divisa con una muraglia, da tramontaria avea le campagne, e per queste si andava a Megara, oggi detta la Penisola di Magnisi, e a Lentini; da ponente rimirava gli Epipoli, chiamati Belvedere, da mezzogiorno Napoli.

Ebbe Tica le sue mura, e non già, come suppone il Bonanni, che dalla parte del ponente non ne avea; poichè non è da credersi, che i Siracusani avessero avuto l’impegno, di fortificar quel lato, che dalla natura potea dirsi forte, e poi lasciato avessero aperto l’unico luogo, facilissimo ad essere assaltato dal nemico. Tica principiava da Scala Greca fino agli Epipoli, o sia dal sito, dov’era il primo castello Labdalo, oggi detto Buffalaro. Vogliono alcuni Scrittori, che fra Tica, e gli Epipoli eravi qualche spazio non abitato, nel quale si accampò Marcello, altrimenti sarebbe stata più grande di [p. 35 modifica]Acradina contro la comune opinione. Da Livio lib. 14. si rilieva, che fra Tica, e Napoli non fuvvi nessuna muraglia, ma da altri Storici, e dai vestigj ricavasi il contrario.