Ardo quando talor vien ch'io rimiri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Pucci

Indice:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu Sonetti Letteratura I. L'ardore Intestazione 3 agosto 2022 100% Da definire

Dentro al candido sen, tra le mammelle
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Giambattista Pucci
[p. 183 modifica]

I

L’ARDORE

     Ardo quando talor vien ch’io rimiri
madonna lampeggiar lieta e vezzosa;
ardo quando talor, mesta e dogliosa,
china degli occhi i lucidi zaffiri.
     Ardo s’avvien che contra me si giri,
turbata il volto, altera e minacciosa;
s’a la mia pena ancor si fa pietosa,
ritrovo ésca novella ai miei martíri.
     Se sospira, quell’aura il foco accende;
s’apre un riso talvolta, è foco il riso;
è foco tutto il bel ch’in lei risplende.
     Ma nel foco del seno e del bel viso
torrei, cosí m’appaga il bel ch’offende,
quasi farfalla rimaner ucciso.