Barbisí l'è sol sulér

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
milanese

B canti cantastoria Barbisí l'è sol sulér Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Barbisí l'è sol sulér
ch'el comincia a pèsta i pè
che 'l völ la sígola

té la sígola te là do nò
po de cò ghe l'ò anca mò
fa míga 'l màto

ciöccia ciöccia Barbisí
te senteré che saorí
che la gh'à la sígola

lé la dis che la gh'à 'l morús
el mé soméa 'n cà rabius
el gh'à la rògna

lé la dis che la gh'à l'anèl
é l'è chèl del sò fradèl
che la gh'l'à 'mprésta

lé la dis che la gh'à 'l pigiama
i é le müdande de la sò mama
de la festa

lé la dis che la gh'à 'n bun lèt
quater as e 'n cavalèt
la dorme in téra

lé la dis che la gh'à 'n bel pèt
quater stras e 'l regipèt
no la gh'à n'ostia

e tö l'è ché chel Giuaní
chel che 'mpianta i ravaní
al ciar de lüna.


Traduzione

Barbisì1 è solo soletto
che [percui] comincia a picchiare i piedi
che [perché] vuole la cipolla.

A te la cipolla non la do
un po' di testa ce l'ho ancora
non fare il matto.

Succhia succhia Barbisì
sentirai che sapore
che ha la cipolla2:

Lei dice che ha il fidanzato,
per me somiglia a un cane rabbioso
e ha la rogna;

Lei dice che ha l'anello
e [ma in realtà] è quello di suo fratello
che gliel'ha prestato;

Lei dice che ha il pigiama
e [ma indossa] le mutande di sua mamma
[quelle] della festa;

Lei dice che ha un letto
[ma sono solo] quattro assi e un cavalletto3
[praticamente] dorme in terra;

Lei dice che ha un bel seno
quattro stracci e il regipetto
[insomma] non ha un'ostia4;

e tuo è quel Giuanì56
quello che pianta rapanelli
al chiaro di luna


Note

  1. Barbisì: Sbarbatello, il bambino
  2. cipolla: Diventa rappresentazione di una ragazza stupida
  3. quattro assi e un cavalletto: Genericamente un pezzo di mobilio mal fatto, con pochi materiali e quindi di poco valore
  4. non ha un'ostia: Non ha niente
  5. Giuanì: Giovane, bambino
  6. e tuo è quel Giuanì: Probabilmente riferimento all'uso che avevano in passato le ragazze-madri di lasciare i figli da crescere ad altri, specialmente ai genitori