Boghe longa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
B

Canti cantastoria Boghe longa Intestazione 18 marzo 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

E tue senza pane,
istancu, famidu e nudu,
no alzas de disdignu una protesta.

2Ses peus de su cane,
vile servis e mudu,
linghes sa man' ingrata e faghes festa
a chie ti deridede
cando pedinde a manu tesa t'idede.

3E su grasciu sarau
chi su riccu segnore
faghed a palas tuas cun fastizos:
populu, ses isciau,
fatigasa e sudorese
cunsacras pro capriccioso e desizoso,
e de cussa zente ischiva
tue, famidu, gridas: viva e viva!


Traduzione

E tu senza pane,
stanco, affamato e nudo,
non alzi sdegno nella protesta.

2Sei peggio di un cane,
vilmenti servi muto,
lecchi la mano ingrata e fai festa
a chi ti deride
quando ti vede a mano tesa chiedere.

3E il grasso (scialo)
che il ricco signore
fa alle tue spalle
e con fastidio il popolo, ne è schiavo,
fatiche e sudori
consacri per capricci e desideri,
di quella gente schifosa
tu, affamato, gridi: Evviva e Evviva!