Canti del cuore/Io amava i fiori e tu mi donasti una rosa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Io amava i fiori, e tu mi donasti una rosa del tuo giardino.

../Fanciullo, una lacrima ò veduto ../Oh! amico se tale posso io dunque chiamarti IncludiIntestazione 4 dicembre 2016 100% letteratura

Io amava i fiori, e tu mi donasti una rosa del tuo giardino.
Fanciullo, una lacrima ò veduto Oh! amico se tale posso io dunque chiamarti


[p. 59 modifica]


II.

Io amava i fiori, e tu mi donasti una rosa del tuo giardino. Ben venga la rosa distaccata dalle tue mani, perocchè io la porterò sul mio cuore.

Ora cinque anni sono trascorsi, e nulla io conosco del tuo destino. Così di tante speranze non mi è rimasta che questa rosa appassita.

Pure io ne ricevo due saggi ammaestramenti ed una utile verità essa á scolpito nel mio cuore: la tua passione e la tua fede ànno durato meno che un fiore del tuo giardino.


Tarchetti - Disjecta, 1879 095.png