Canzone alla Morte

Da Wikisource.
Pandolfo Collenuccio

XV secolo C Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Poesie Letteratura Canzone alla Morte Intestazione 2 ottobre 2017 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 180 modifica]

QUAL peregrin nel vago errore stanco
De’ lunghi e faticosi suoi viaggi
     Per lochi aspri e selvaggi,
     4Fatto già incurvo per etate e bianco,
     Al dolce patrio albergo
     Sospirando s’affretta e si rimembra
     Le paterne ossa e la sua prima etate:
     8Di sè stesso pietate
     Tenera il prende; e le affannate membra
     Posar disía nel loco ove già nacque,
     E il buon viver gli piacque:

[p. 181 modifica]

     12Tal io, che ai peggior anni oramai vèrgo,
     In sogni, in fumo, in vanitate avvolto,
     A te mie preghe volto,
     Rifugio singolar, che pace apporte
     16Allo umano viaggio, o sacra Morte.
Qual navigante nella turbida onda
     Tra l’ira di Nettuno e d’Eolo, aggiunto
     Quasi allo stremo punto,
     20La cara merce, per camparne, affonda,
     E il disiato porto
     Rimirando, i perigli in mente accoglie,
     E i lunghi affanni intra Cariddi e Scilla;
     24A vita più tranquilla
     Pensa, e a lasciar le irate onde e le scoglie,
     Da poi che ’l danno l’ave fatto saggio,
     Del marittimo oltraggio:
     28Tal io, dell’empia mia fortuna accorto,
     Macchiato e infetto in questa mortal pece,
     A te volgo mia prece,
     O porto salutar, che sol conforte
     32D’ogni naufragio il mal, splendida Morte.
Placidissimo sonno, alta quïete,
     Cui Stige dona e l’alto Flegetonte,
     Cocito ed Acheronte,
     36E la pigra onda del pallido Lete,
     Ch’ogni memoria stingue,
     Per te si straccia d’ignoranza il velo,
     Sciocco è chi il tuo soccorso non intende,
     40E in tutto al ver contende;
     Egli ha la vista tenebrosa al cielo
     Che de la tua pietade il don non vede,
     Che il gran Fattor ne diede.
     44Tu se’ l'alta possanza che distingue

[p. 182 modifica]

     Lo ver dal falso, dal valente il frale,
     Dallo eterno il mortale;
     O di magnanimi spiriti consorte,
     48A te mi volgo, generosa Morte.
Candido vien dal ciel, puro e divino,
     L’animo immortal nostro in questa spoglia,
     Ove al tutto si spoglia
     52Del lume di sua gloria. È il suo cammino
     Fra paura e disìo,
     Dolor, vane letizie, oltraggi ed ire,
     Ove han pugna natura ed elementi
     56Fra eterni opposti venti.
     Mirabil cosa fia, se il Ciel si mire,
     Giusto gravato dall’infimo pondo
     Dell'orbo, ingrato mondo!
     60Or tu rendi con atto onesto e pio
     A un liber uom la prima libertate;
     Ch’oggi da te pietate
     Chiedendo, aspetta alla sua cruda sorte
     64Per la eterna tua man, inclita Morte.
Quel ben falso che vita ha nome in terra,
     Se il si debbe ai tiranni è grave stento,
     È sospiro, è lamento,
     68È affanno, infermità, terrore e guerra.
     Natura all’uom matrigna
     Intra mali cotanti esto sol bene
     Ne diè per pace e libertade e porto;
     72A’ più savi è diporto,
     Lo fine attender delle umane pene;
     E dicon: ‘Non fia lungi chi ne scioglia
     Con generosa voglia.
     76Tu se’ quella dal ciel data e benigna
     Madre, ch’ogni viltà dei petti sgombri;

[p. 183 modifica]

     Tu i nostri mali adombri
     Di eterna oblivïon. Delle tue scorte
     80Dunque m’affida, ed a te vengo, Morte.’
Qual di famosi ingegni e maggior gloria,
     Ebrei, Greci, Latini, Arabi e Persi,
     Di lingua e stil diversi,
     84Quanti di che le carte or fan memoria
     Te han scritta e disiata!
     Felice, disse alcun, chi muore in fasce:
     Altri, quando la vita più diletta;
     88Chi, quando men s’aspetta:
     Molti beato disser chi non nasce,
     Molti con forte man t’han cerca e tolta,
     Grave turba e non stolta!
     92Tu, co’ liberi spirti e giusta e grata,
     Dagli schiavi li parti; tu ne sepri
     I fior dagl’irti vepri;
     Or tu l’ira regal fa che s’ammorte
     96Dentro il mio sangue: tel consacro, o Morte.
Ben prego prima Lui che sovra il legno
     La rabbia estinse dell’orribil angue,
     Che di suo diro sangue
     100N’asperga e mondi placido e benegno,
     Guardando sua pietate,
     E non già di mia vita il van discorso,
     Che sotto l’ombre dell’error s’asconde.
     104I’ sono al vento fronde,
     Se non mi gira di lassù soccorso;
     Sua infinita bontà mettasi sopra;
     Delle sue man sono opra.
     108Morte, ministra della sua bontate,
     Lavi dall’alma ogni più fedo crine,
     Tu del celeste fine

[p. 184 modifica]

     M’apri le aurate sacrosante porte,
     112Cara, opportuna, disiata Morte.
Canzon, vivrai, me spento; e umil, ma forte,
     Col Tesbite n’andrai, con quel da Tarso;
     Solo un Signor conosci e Quello adora,
     116Quel che, a non esser di sua grazia scarso,
     Dolce e bella morendo fe’ la Morte.