Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Amor co la man dextra il lato manco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Amor co la man dextra il lato manco

../Aura che quelle chiome bionde et crespe ../Cantai, or piango, et non men di dolcezza IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Aura che quelle chiome bionde et crespe Cantai, or piango, et non men di dolcezza

 
Amor co la man dextra il lato manco
m’aperse, e piantòvi entro in mezzo ’l core
un lauro verde, sí che di colore
ogni smeraldo avria ben vinto et stanco.

5Vomer di pena, con sospir’ del fianco,
e ’l piover giú dalli occhi un dolce humore
l’addornâr sì, ch’al ciel n’andò l’odore,
qual non so già se d’altre frondi unquanco.

Fama, Honor et Vertute et Leggiadria,
10casta bellezza in habito celeste
son le radici de la nobil pianta.

Tal la mi trovo al petto, ove ch’i’ sia,
felice incarco; et con preghiere honeste
l’adoro e ’nchino come cosa santa.