Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Cantai, or piango, et non men di dolcezza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cantai, or piango, et non men di dolcezza

../Amor co la man dextra il lato manco ../I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Amor co la man dextra il lato manco I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume

 
Cantai, or piango, et non men di dolcezza
del pianger prendo che del canto presi,
ch’a la cagion, non a l’effetto, intesi
son i miei sensi vaghi pur d’altezza.

5Indi et mansüetudine et durezza
et atti feri, et humili et cortesi,
porto egualmente, né me gravan pesi,
né l’arme mie punta di sdegni spezza.

Tengan dunque ver’ me l’usato stile
10Amor, madonna, il mondo et mia fortuna,
ch’i’non penso esser mai se non felice.

Viva o mora o languisca, un piú gentile
stato del mio non è sotto la luna,
sí dolce è del mio amaro la radice.