Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume

../Cantai, or piango, et non men di dolcezza ../I' mi vivea di mia sorte contento IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Cantai, or piango, et non men di dolcezza I' mi vivea di mia sorte contento

 
I’ piansi, or canto, ché ’l celeste lume
quel vivo sole alli occhi miei non cela,
nel qual honesto Amor chiaro revela
sua dolce forza et suo santo costume;

5onde e’ suol trar di lagrime tal fiume,
per accorciar del mio viver la tela,
che non pur ponte o guado o remi o vela,
ma scampar non potienmi ale né piume.

Sí profondo era et di sí larga vena
10il pianger mio et sí lunge la riva,
ch’i’ v’aggiungeva col penser a pena.

Non lauro o palma, ma tranquilla oliva
Pietà mi manda, e ’l tempo rasserena,
e ’l pianto asciuga, et vuol anchor ch’i’ viva.