Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I' mi vivea di mia sorte contento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I' mi vivea di mia sorte contento

../I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume ../Vincitore Alexandro l'ira vinse IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I' piansi, or canto, ché 'l celeste lume Vincitore Alexandro l'ira vinse

 
I’ mi vivea di mia sorte contento,
senza lagrime et senza invidia alcuna,
che, s’altro amante à piú destra fortuna,
mille piacer’ non vaglion un tormento.

5Or quei belli occhi ond’io mai non mi pento
de le mie pene, et men non ne voglio una,
tal nebbia copre, sí gravosa et bruna,
che ’l sol de la mia vita à quasi spento.

O Natura, pietosa et fera madre,
10onde tal possa et sí contrarie voglie
di far cose et disfar tanto leggiadre?

D’un vivo fonte ogni poder s’accoglie:
ma Tu come ’l consenti, o sommo Padre,
che del Tuo caro dono altri ne spoglie?