Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Vincitore Alexandro l'ira vinse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vincitore Alexandro l'ira vinse

../I' mi vivea di mia sorte contento ../Qual ventura mi fu, quando da l'uno IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I' mi vivea di mia sorte contento Qual ventura mi fu, quando da l'uno

 
Vincitore Alexandro l’ira vinse,
et fe’ ’l minore in parte che Philippo:
che li val se Pyrgotile et Lysippo
l’intagliâr solo et Appelle il depinse?

5L’ira Tydëo a tal rabbia sospinse,
che, morendo ei, si róse Menalippo;
l’ira cieco del tutto, non pur lippo,
fatto avea Silla: a l’ultimo l’extinse.

Sa ’l Valentinïan, ch’a simil pena
10ira conduce: et sa ’l quei che ne more,
Aiace in molti, et poi in se stesso, forte.

Ira è breve furore, et chi nol frena,
è furor lungo, che ’l suo possessore
spesso a vergogna, et talor mena a morte.