Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Qual ventura mi fu, quando da l'uno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Qual ventura mi fu, quando da l'uno

../Vincitore Alexandro l'ira vinse ../O cameretta che già fosti un porto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Vincitore Alexandro l'ira vinse O cameretta che già fosti un porto

 
Qual ventura mi fu, quando da l’uno
de’ duo i piú belli occhi che mai furo,
mirandol di dolor turbato et scuro,
mosse vertú che fe’ ’l mio infermo et bruno!

5Send’io tornato a solver il digiuno
di veder lei che sola al mondo curo,
fummi il Ciel et Amor men che mai duro,
se tutte altre mie gratie inseme aduno:

ché dal dextr’occhio, anzi dal dextro sole,
10de la mia donna al mio dextr’occhio venne
il mal che mi diletta, et non mi dole;

et pur com’intellecto avesse et penne,
passò quasi una stella che ’n ciel vole;
et Natura et Pietate il corso tenne.