Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/O cameretta che già fosti un porto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCXXXIV

../Qual ventura mi fu, quando da l'uno ../Lasso, Amor mi trasporta ov'io non voglio IncludiIntestazione 18 luglio 2008 100% poesie

Qual ventura mi fu, quando da l'uno Lasso, Amor mi trasporta ov'io non voglio

 
O cameretta che già fosti un porto
a le gravi tempeste mie diürne,
fonte se’ or di lagrime nocturne,
che ’l dí celate per vergogna porto.

5O letticciuol che requie eri et conforto
in tanti affanni, di che dogliose urne
ti bagna Amor, con quelle mani eburne,
solo ver ’me crudeli a sí gran torto!

Né pur il mio secreto e ’l mio riposo
10fuggo, ma piú me stesso e ’l mio pensero,
che, seguendol, talor levommi a volo;

e ’l vulgo a me nemico et odïoso
(chi ’l pensò mai?) per mio refugio chero:
tal paura ò di ritrovarmi solo.