Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno

../L'arbor gentil che forte amai molt'anni ../Padre del ciel, dopo i perduti giorni, IncludiIntestazione 19 gennaio 2009 75% Sonetti

Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno
L'arbor gentil che forte amai molt'anni Padre del ciel, dopo i perduti giorni,

 
Benedetto sia ’l giorno, e ’l mese, e l’anno,
e la stagione, e ’l tempo, e l’ora, e ’l punto,
e ’l bel paese, e ’l loco ov’io fui giunto
da’ duo begli occhi che legato m’hanno;

5e benedetto il primo dolce affanno
ch’i’ebbi ad esser con Amor congiunto,
e l’arco, e le saette ond’i' fui punto,
e le piaghe che ’nfin al cor mi vanno.

Benedette le voci tante ch’io
10chiamando il nome de mia donna ho sparte,
e i sospiri, e le lagrime, e ’l desio;

e benedette sian tutte le carte
ov’io fama l’acquisto, e ’l pensier mio,
ch’è sol di lei, sì ch’altra non v’ha parte.