Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Dolce mio caro et precïoso pegno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dolce mio caro et precïoso pegno

../Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse ../Deh qual pietà, qual angel fu sí presto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse Deh qual pietà, qual angel fu sí presto

 
Dolce mio caro et precïoso pegno,
che natura mi tolse, e ’l Ciel mi guarda,
deh come è tua pietà ver’ me sí tarda,
o usato di mia vita sostegno?

5Già suo’ tu far il mio sonno almen degno
de la tua vista, et or sostien’ ch’i’ arda
senz’alcun refrigerio: et chi ’l retarda?
Pur lassú non alberga ira né sdegno:

onde qua giuso un ben pietoso core
10talor si pasce delli altrui tormenti,
sí ch’elli è vinto nel suo regno Amore.

Tu che dentro mi vedi, e ’l mio mal senti,
et sola puoi finir tanto dolore,
con la tua ombra acqueta i miei lamenti.