Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CCCXXXIX

../Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo ../Dolce mio caro et precïoso pegno IncludiIntestazione 18 luglio 2008 100% poesie

Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo Dolce mio caro et precïoso pegno

 
Conobbi, quanto il ciel li occhi m’aperse,
quanto studio et Amor m’alzaron l’ali,
cose nove et leggiadre, ma mortali,
che ’n un soggetto ogni stella cosperse:

5l’altre tante sí strane et sí diverse
forme altere, celesti et immortali,
perché non furo a l’intellecto eguali,
la mia debil vista non sofferse.

Onde quant’io di lei parlai né scrissi,
10ch’or per lodi anzi a Dio preghi mi rende,
fu breve stilla d’infiniti abissi:

ché stilo oltra l’ingegno non si stende;
et per aver uom li occhi nel sol fissi,
tanto si vede men quanto piú splende.