Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo

../Quel, che d'odore et di color vincea ../Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quel, che d'odore et di color vincea Conobbi, quanto il ciel li occhi m'aperse

 
Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo
oscuro et freddo, Amor cieco et inerme,
Leggiadria ignuda, le bellezze inferme,
me sconsolato et a me grave pondo,

5Cortesia in bando et Honestate in fondo.
Dogliom’io sol, né sol ò da dolerme,
ché svelt’ài di vertute il chiaro germe:
spento il primo valor, qual fia il secondo?

Pianger l’aer et la terra e ’l mar devrebbe
10l’uman legnaggio, che senz’ella è quasi
senza fior’ prato, o senza gemma anello.

Non la conobbe il mondo mentre l’ebbe:
conobbil’io, ch’a pianger qui rimasi,
e ’l ciel, che del mio pianto or si fa bello.