Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quel, che d'odore et di color vincea

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quel, che d'odore et di color vincea

../Tornami a la mente, anzi v'è dentro, quella ../Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Tornami a la mente, anzi v'è dentro, quella Lasciato ài, Morte, senza sole il mondo

 
Quel, che d’odore et di color vincea
l’odorifero et lucido orïente,
frutti fiori herbe et frondi (onde ’l ponente
d’ogni rara eccellentia il pregio avea),

5dolce mio lauro, ove habitar solea
ogni bellezza, ogni vertute ardente,
vedeva a la sua ombra honestamente
il mio signor sedersi et la mia dea.

Ancor io il nido di penseri electi
10posi in quell’alma pianta; e ’n foco e ’n gielo
tremando, ardendo, assai felice fui.

Pieno era il mondo de’ suoi honor’ perfecti,
allor che Dio per adornarne il cielo
la si ritolse: et cosa era da lui.