Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Due gran nemiche inseme erano agiunte

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Due gran nemiche inseme erano agiunte

../I' mi soglio accusare, et or mi scuso ../Quand'io mi volgo indietro a miarar gli anni IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I' mi soglio accusare, et or mi scuso Quand'io mi volgo indietro a miarar gli anni

 
Due gran nemiche inseme erano agiunte,
Bellezza et Honestà, con pace tanta
che mai rebellïon l’anima santa
non sentí poi ch’a star seco fur giunte;

5et or per Morte son sparse et disgiunte:
l’una è nel ciel, che se ne gloria et vanta;
l’altra sotterra, che ’ begli occhi amanta,
onde uscîr già tant’amorose punte.

L’atto soave, e ’l parlar saggio humile
10che movea d’alto loco, e ’l dolce sguardo
che piagava il mio core (anchor l’acenna),

sono spariti; et s’al seguir son tardo,
forse averrà che ’l bel nome gentile
consecrerò con questa stanca penna.