Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I' mi soglio accusare, et or mi scuso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I' mi soglio accusare, et or mi scuso

../Soleano i miei penser' soavemente ../Due gran nemiche inseme erano agiunte IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Soleano i miei penser' soavemente Due gran nemiche inseme erano agiunte

 
I’ mi soglio accusare, et or mi scuso,
anzi me pregio et tengo assai piú caro,
de l’onesta pregion, del dolce amaro
colpo, ch’i’ portai già molt’anni chiuso.

5Invide Parche, sí repente il fuso
troncaste, ch’attorcea soave et chiaro
stame al mio laccio, et quello aurato et raro
strale, onde morte piacque oltra nostro uso!

Ché non fu d’allegrezza a’ suoi dí mai,
10di libertà, di vita alma sí vaga,
che non cangiasse ’l suo natural modo,

togliendo anzi per lei sempre trar guai
che cantar per qualunque, e di tal piaga
morir contenta, et viver in tal nodo.